rotate-mobile
Martedì, 18 Gennaio 2022
Politica

Rincaro dell'energia elettrica, la Provincia si cautela per le scuole

Raddoppiate le spese questo inverno, prelevati 99mila euro dal fondo di riserva

La Provincia di Piacenza costretta a mettere sul piatto più soldi a causa dei rincari. Il presidente Patrizia Barbieri, nella prima seduta dell’anno e della nuova consigliatura, ha informato il Consiglio provinciale che si è reso necessario effettuare un prelevamento dal fondo di riserva per adeguare le dotazioni del capitolo di spesa per le utenze degli edifici scolastici in quanto, a partire dall’autunno 2021, le fatture per l’energia elettrica hanno registrato un’impennata dei prezzi che ha comportato il raddoppio della spesa rispetto allo stesso periodo degli scorsi anni. Si è passati, in media, da un costo da 0,19 euro a kilowattora a 0,40 euro.

In via prudenziale si è quindi prelevato la somma di 99.339,20 euro dal fondo di riserva, in vista delle fatture che perverranno in gennaio riferite ai consumi di dicembre 2021. Nel fondo di riserva è rimasta accantonata la quota minima prevista per legge, da destinare alle spese non prevedibili la cui mancata effettuazione comporterebbe danni certi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rincaro dell'energia elettrica, la Provincia si cautela per le scuole

IlPiacenza è in caricamento