Venerdì, 19 Luglio 2024
L'intervento della minoranza / Podenzano

«Riqualificazione di Piazza Italia a Podenzano, ancora una volta manca la partecipazione della comunità»

Il progetto, che ha sollevato polemiche e portato alla raccolta di firme di protesta da parte dei commercianti, è oggetto di osservazioni e rilievi da parte della minoranza consigliare "Uniti per Podenzano"

Il progetto di riqualificazione di Piazza Italia, approvato dalla Giunta del Comune di Podenzano con una deliberazione del 14 maggio 2022, che ha sollevato polemiche e portato alla raccolta di firme di protesta da parte dei commercianti, è oggetto di osservazioni e rilievi da parte della minoranza consigliare “Uniti per Podenzano”, Elena Murelli, Riccardo Sparzagni, Raffaella Boselli, Katia Sala.

I consiglieri del gruppo sottolineano come, per l’ennesima volta, da parte dell’Amministrazione venga approvato un progetto che impatta sulla vita della comunità senza aver minimamente coinvolto le cittadine e i cittadini in un percorso partecipativo e, in questo caso particolare, addirittura senza aver mai presentato e illustrato il progetto nel Consiglio comunale: «Non è una novità che l’amministrazione non coinvolga le cittadine e i cittadini nel corso della progettazione di opere di interesse pubblico. Già nel caso della costruzione della mensa della scuola elementare di San Polo, il progetto, presentato al consiglio solo per la necessità di acquisire la deroga alla costruzione sui confini, era stato poi illustrato in un’assemblea pubblica serale con la premessa, da parte del sindaco, che il progetto non poteva essere modificato per vincoli posti dalla Sovrintendenza (in particolare il sindaco aveva negato la possibilità di inserimento di un marciapiede che facesse rientrare la facciata della mensa che si costruiva a filo della strada) e per l’urgenza di procedere alla realizzazione (dopo tre anni ancora in corso), riducendo la così la partecipazione a una mera informativa».  «Nel caso del progetto di riqualificazione della Piazza nuova e di Piazza Italia - proseguono - è mancata perfino l’informativa al Consiglio (chiamato solo ad esprimersi in merito alla convenzione con gli altri comuni interessati per la richiesta dei fondi necessari) e alle parti che più sono toccate dal progetto».

«La riqualificazione della Piazza Italia e il completamento della nuova piazza, comprensiva dei locali ancora al rustico (dopo dieci anni e numerose dichiarazioni dell’Amministrazione in merito al rinvenimento di soggetti interessati a quegli spazi) sono senz’altro necessari e opportuni, ma poiché si tratta di opere che verranno fruite dalla comunità, è necessario e doveroso, nella fase di progettazione, il coinvolgimento di tutta l’Amministrazione comunale, ossia del Consiglio Comunale e della Commissione Assetto del territorio che ha competenza in materia di programmazione territoriale ed urbanistica, lavori pubblici e ambiente».

Il consigliere Sparzagni, componente dalla minoranza nella Commissione non coinvolta, dichiara: «Quello che mi sorprende è che nel progetto (come pubblicato sull’albo pretorio comunale) non ci sia nessuna valutazione sull’impatto viabilistico della riduzione dei posti auto. Si tratta di un’area che in determinati momenti della giornata, per esempio alla mattina presto, quando le mamme portano i bambini all’asilo, presenta già più di una criticità. Mi sarei aspettato di vedere una valutazione al riguardo». 

Il consigliere Murelli evidenzia che« non è stato neppure presentato uno studio sull’ impatto economico che questa scelta può portare alle attività commerciali che insistono su Piazza Italia, che possono fare affidamento sui posti auto esistenti per offrire alle persone anche di passaggio una fermata di cinque minuti per bere un caffè, comprare le sigarette o il pane».

Il consigliere Sala sottolinea che «Le attività commerciali e artigianali, in questo momento di crisi economica, vivono anche grazie all’offerta di piccole agevolazioni ai loro clienti, come la possibilità di avere posti auto disponibili senza dover cercare a lungo. E’ importante che le richieste presentate dalle categorie vengano tenute in considerazione dall’Amministrazione».

«Sembra strano a dirsi, ma pare proprio che questa Amministrazione stia procedendo con la precisa volontà di togliere i parcheggi disponibili nel paese - evidenzia il consigliere Boselli – Prima sono stati eliminati i parcheggi disponibili vicino alla Casa della Salute per costruire la Caserma dei Carabinieri, ora si pensa di riqualificare la Piazza Italia, da sempre luogo del parcheggio di passaggio, eliminando un numero consistente di posti auto. Potrei capire se la Piazza fosse sempre vuota e i parcheggi non venissero fruiti, ma basta passare in diverse ore della giornata per vedere che i parcheggi sono per la maggior parte sempre occupati e quindi rappresentano un’utilità per i cittadini». I consiglieri annunciano la presentazione di un’interrogazione consigliare su questo progetto.

piazza podenzano progetto-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Riqualificazione di Piazza Italia a Podenzano, ancora una volta manca la partecipazione della comunità»
IlPiacenza è in caricamento