Politica

Un'intervista di Roberto Reggi non piace ai renziani: è gelo?

Secondo l'Huffington Post, ai renziani non sarebbero piaciute alcune frasi pronunciate dal capo dello staff di Matteo Renzi sulle primarie per le liste del Pd

Matteo Renzi e Roberto Reggi

Roberto Reggi "ripreso" da Matteo Renzi? Questo ipotizza l'Huffington Post. L'ex sindaco di Piacenza, capo del comitato elettorale di Renzi per le primarie, Roberto Reggi avrebbe rilasciato un'intervista sempre all'Huffington Post in cui "boccia le modalità con cui il Pd si avvicina alle primarie per le liste, dalla data indicata (il 29 e il 30 dicembre), alla platea degli elettori (solo gli iscritti o chi ha già votato alle primarie per la premiership) dino alla quota di parlamentari che dovrebbe gestire il segretario Bersani senza passare dalle primarie". Queste dichiarazioni non sarebbero piaciute a Renzi, dal suo staff infatti fanno sapere che non è questa la linea del sindaco di Firenze.

Si legge sempre sul giornale: «I renziani correggono uno dei loro uomini, certamente annoverabile tra 'falchi' della squadra del sindaco di Firenze, ma comunque mai smentito pubblicamente come oggi. Nemmeno quando, a primarie terminate, mentre lui continuava a usare toni battaglieri, il resto dello staff ha scelto invece un approccio morbido verso il vincitore Bersani. In una squadra da sempre divisa tra falchi e colombe, hanno vinto le seconde. Per il bene del partito. Ma il dato oggi è che Reggi non parla più a nome dei renziani. Disconosciuto. Perchè il comitato elettorale oggi non esiste più, è la spiegazione riportata dallo staff del sindaco. Sarà, ma non basta. Sarebbe come se Roberto Speranza, capo della squadra di Bersani alle primarie, oggi smettesse di rappresentare il segretario a primarie terminate. Così non è, anche se il comitato elettorale non esiste più».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un'intervista di Roberto Reggi non piace ai renziani: è gelo?

IlPiacenza è in caricamento