Salvini a Podenzano riceve l'abbraccio dei militanti: «Chiuderemo le prefetture»

Il segretario federale ritorna in Valnure per la Festa della Lega Nord e viene circondato dall'affetto dei suoi sostenitori: tutti in fila per un "selfie" con il leader del Carroccio. «Chiamiamo a raccolta tutte le persone per bene anche a Sud». E sugli espulsi (fra cui Polledri): «Ora abbiamo cose più importanti a cui pensare»

Bagno di folla a Podenzano per il segretario federale Matteo Salvini, l’ospite più atteso della Festa della Lega Nord nel paese della Valnure, giunta alla ventiquattresima edizione. Salvini è arrivato ai giardini Haway di via Cesare Battisti per la prima delle tre sere, ed è subito stato accolto da numerosi capannelli di militanti e simpatizzanti del Carroccio che hanno voluto scambiare con lui qualche parola e – soprattutto – scattare qualche foto (o selfie) insieme. Da segnalare la personalizzazione della sua t-shirt: l’ormai celebre ruspa portava il nome di “Podenzano con Salvini”.

«Abbiamo un governo di matti o incapaci – ha esordito Salvini parlando con la stampa -, appena reduce da un confronto televisivo con Cecile Kyenge a La7 -. Non ho ancora capito se Renzi e Alfano sono l’uno o l’altra cosa, ma ci stanno portando allo scontro sociale. Non è possibile che con 4 milioni di italiani disoccupati e poveri questi usino i prefetti per disseminare di clandestini gli alberghi di mezza Italia. Poi la gente reagisce - nella stessa giornata alcune situazioni di tensione si sono registrate in un paio di città italiane, nda -  perfino le mamme e i papà: mi piacerebbe che la polizia facesse il suo lavoro andando a prendere delinquenti e spacciatori invece che prendere di peso delle donne di 60 anni che difendono casa loro. Noi ci siamo ovunque ci sia gente che difende il futuro dei figli». 

Il segretario ha rincarato la dose nei confronti delle prefetture. «Quando torneremo al governo le chiuderemo tutte, l’ordine pubblico spetterà ai sindaci e risparmieremo mezzo miliardo di euro e questi prefetti dovranno cercarsi un altro lavoro. Abbiamo purtroppo al governo gente che non fa il bene della “nostra” gente: gli altri governi europei fanno i loro interessi e difendono i confini, mentre il nostro Stato è scafista e ora pure spacciatore perché vuole legalizzare le droghe. Siamo al delirio».Salvini-6

Alla serata era presente anche il consigliere comunale Massimo Polledri – criticato a Palazzo Mercanti nella giornata di ieri dal Movimento Giovani Padani, definito come “la vecchia Lega” - espulso dalla segreteria del partito qualche mese fa, poi reintegrato da Umberto Bossi, a cui però alcuni giorni fa sono stati tolti poteri decisionali all’interno del partito. Che ne sarà degli espulsi-reintegrati e “congelati”, come l’esponente piacentino? «Ne parleremo in futuro, ora abbiamo cose più importanti a cui pensare». E l’alleato più fedele del Carroccio? «La gente, da Nord e Sud: dei partiti parleremo dopo. Vedremo cosa sarà Forza Italia e che idee avrà. Il primo alleato rimane per ora la gente».

Salvini, stimolato dalle domande dei cronisti, ha parlato anche della Merkel. «Ha ragione quando dice alla bambina che non c’è posto per tutti, non possiamo ospitare un miliardo di cittadini africani in Europa, in Italia, in Emilia. Ospitiamo i pochi che veramente scappano dalla guerra, per gli altri clandestini c’è il barcone per tornare». Due parole sono state spese anche per la situazione greca. «Non è detto che bisogna rimanere in Europa: se diamo aiuti alla Grecia fra tre mesi saremo a punto e a capo. Noi nel frattempo stiamo sbattendo 3 miliardi e mezzo di euro per l’immigrazione: sarebbero utili per dare asili gratuiti in tutta Italia da nord a sud come fa la Francia».

Salvini-6 Podenzano Lega Nord-2 Podenzano Lega Nord-3

A Piacenza durante il consiglio comunale di ieri i giovani leghisti hanno sottolineato che questa è la “nuova Lega di Salvini”, un nuovo corso rispetto al passato. «La Lega è la Lega – ha precisato il leader - rimaniamo questi. Ci apriamo, apriamo i nostri cervelli per tornare a governare l’Italia in nome del federalismo e dell’autonomia, però chiamando a raccolta tutte le persone per bene da Nord a Sud». Terminato il confronto con la stampa, Salvini è stato "travolto" da centinaia di simpatizzanti e militanti del Carroccio, desiderosi di conoscere da vicino il leader che ha portato la Lega ad essere il partito di centrodestra con più voti nel Paese (e nel Piacentino).

Podenzano Lega Nord-4 11703299_1065957273414802_3531348108638627016_n 11760261_10206307258434044_1150639407424063367_n-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Cade dalle scale di casa e batte la testa, è grave

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • Solo in Italia e ricoverato in ospedale a Piacenza, i poliziotti delle volanti si prendono cura del suo cane

Torna su
IlPiacenza è in caricamento