Sanità, Rancan (Lega): «Piacenza penalizzata dalla Regione»

«In campo sanitario la Regione Emilia-Romagna ha manifestato poca attenzione verso la provincia di Piacenza. Sostenere il contrario non corrisponde a verità». Così il consigliere regionale della Lega, Matteo Rancan, dopo aver appreso dalla stampa della ripartizione dei fondi regionali tra le varie province emiliano-romagnole. «C’è altro da considerare oltre alle somme di denaro. Ad esempio – spiega - il modo in cui l’Emilia-Romagna ha penalizzato energicamente la sanità piacentina, mettendo i nostri territori in competizione gli uni con gli altri. Nel caso di Villanova, ha snaturato l’ospedale voluto dal maestro Giuseppe Verdi trasformandolo in centro paralimpico. Si tratta sì un progetto vantaggioso, perché contribuisce alla rivitalizzazione della struttura e perché può generare indotto per il paese e i centri circostanti, ma va tenuto a mente che è pur sempre una contromisura soltanto apparente. Quindi prima di spezzare lance a favore della Regione, andrebbe valutata la realtà dei fatti nel suo complesso». Rancan mette poi in guardia sulle promesse di investimento: «Ora che a Lugagnano l’amministrazione è passata al centrosinistra, Bologna ha reperito 500mila euro per la Casa della salute. Ma rispondendo ad una mia interrogazione, l’assessore regionale alla Sanità, Venturi, ha ammesso che manca il progetto. Attenzione dunque alle rassicurazioni che arrivano in prossimità delle elezioni».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esselunga: «Scaffali vuoti vengono subito riempiti: abbiamo scorte, pronti a ogni evenienza»

  • Emergenza coronavirus, decisa la chiusura di tutte le discoteche e locali di intrattenimento

  • Coronavirus, l'Inps sospende i servizi e le visite

  • Coronavirus, lotta al contagio: nel Piacentino scuole chiuse e San Damiano per la quarantena

  • Coronavirus: il 38enne contagiato in contatto con un manager di Fiorenzuola, isolato a Milano. Chiusa la ditta Mae

  • Sei nuovi contagi a Piacenza: tra loro due medici e un infermiere del Polichirurgico

Torna su
IlPiacenza è in caricamento