menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità, voto unanime alla risoluzione in Regione che chiede di rivedere gli accessi ai corsi di specializzazione

Approvato emendamento per incentivare gli specializzandi a rimanere in Emilia-Romagna al termine del percorso formativo

Via libera dalla IV Commissione regionale Politiche per la Salute e sociali, alla risoluzione che chiede alla Giunta di garantire più borse di studio per i laureati in Medicina e Chirurgia ai corsi di specializzazione, oltre alla revisione dei meccanismi per rafforzare il sistema emiliano-romagnolo. Il documento, presentato dalla capogruppo della Lista Bonaccini Presidente Giulia Pigoni, è stato approvato con voto unanime. 

“Da un lato è necessario finanziare più contratti per la formazione specialistica già a partire dal prossimo concorso per l’accesso alle Scuole di Specializzazione 2020, dall’altro è opportuno che la Regione riveda i requisiti di accesso ai contratti di formazione specialistica e i cosiddetti obblighi in uscita per chi compie il proprio percorso di studio nel territorio regionale. L’intento è che chi si forma in Emilia-Romagna sia incentivato a restarvi per prestare qui, almeno per un periodo pari alla durata del corso di formazione, la propria attività lavorativa. – spiega la consigliera regionale Pd Katia Tarasconi – Questo secondo punto, in particolare, è stato introdotto con un emendamento sottoscritto da tutte le forze politiche, e accoglie la sollecitazione di numerosi medici chirurghi, laureati e laureandi in Medicina e Chirurgia che avevano sottolineato come l’attuale sistema non premiasse gli specializzandi residenti in Emilia-Romagna e anzi, favorisse il trasferimento dei professionisti in altre regioni al termine del percorso di specializzazione”.

“L’Emilia-Romagna vuole potenziare e qualificare ulteriormente il proprio sistema sanitario regionale. Vogliamo allargare il più possibile le maglie della formazione specialistica e incentivare i giovani medici specializzati a continuare a crescere in Emilia-Romagna e a contribuire alla crescita dei servizi sanitari per le cittadine e i cittadini. Con le proposte approvate e che ora impegnano la Giunta ad adeguarvisi pensiamo di fare bene e meglio sia per i professionisti che per gli emiliano-romagnoli. – commenta Katia Tarasconi – L’invito è che, in Conferenza delle Regioni, i criteri tracciati nel documento approvato oggi siano condivisi in modo che vi sia uniformità in tutto il territorio nazionale nell’accesso ai corsi di specializzazione”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Incidenti stradali

    Contro il guard-rail in curva sulla 45, grave un motociclista

  • Incidenti stradali

    Quattro feriti nel tamponamento, uno è grave

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Attualità

    Isa Mazzocchi è la "chef donna 2021" per Michelin

  • Cronaca

    «Quando permetti alla mafia di entrare in casa tua, hai già perso tutto»

  • Attualità

    Un premio di laurea per ricordare Fausto Zermani

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento