Scarpa: «Recuperare l’ex ospedale militare è fantasia, più fattibile l’ex clinica Belvedere»

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di IlPiacenza

«No! Caro Sindaco. Non è utopia, è pura fantasia. Oggi, per definire al meglio le rinunciabili e, ormai, quotidiane esternazioni del nostro Sindaco mi è tornata alla memoria l’antico (e tutt’altro che politically correct), detto popolare, "donna parladura manda l'omm in malura". Infatti, secondo noi, queste dichiarazioni rilasciate a profusione su qualsiasi argomento finiscono solo per creare sconcerto ed incredulità tra i cittadini. Ma volendo assegnare dignità ad una delle ultime uscite del sindaco sulla localizzazione del "…polo assistenziale per gli anziani di tutto rispetto" in città, direi che non sono solo le risorse economiche che mancano, ma la lucidità e le idee! E non può bastare una chiacchierata con Bonaccini per trovare una idonea soluzione. Come si può pensare di inserire un polo assistenziale per anziani in una struttura "... ancora di proprietà del Ministero della Difesa", e non idonea a tale scopo (diciamo noi). Non sarebbe più aderente alla realtà, da parte del Sindaco, assieme al sodale Baldino, considerare una più conveniente e immediatamente percorribile ipotesi di ristrutturazione della struttura di via Gadolini? Di proprietà dell'Azienda Sanitaria Locale, già adibita a servizi sanitari, anche se in disuso da diversi anni, e i cui lavori potrebbero iniziare appena reperiti i fondi? Se questa è la destinazione per i fondi del Recovery Fund e del Recovery Plan che il Sindaco propone, tralasciando tutto quello che si dovrebbe ancora fare per restituire efficienza alla sanità piacentina, La invitiamo a non sprecare tempo prezioso su un progetto di fatto non fattibile. Se volessero, il Sindaco e Baldino, CO.SI.L. ha da tempo approntato, a proprie spese, un progetto di massima che volentieri donerebbe alla città. Forse è il caso che il consigliere Levoni, che è intervenuto in più occasioni sull'argomento, riproponga i suoi interrogativi sul perché non si va avanti. Ne verrebbero fuori delle belle. Per tornare infine, con un inciso, sul tema "osservazioni" di questi giorni, sul progetto del Sindaco, di Confindustria e di Baldino, di localizzare il nuovo ospedale, anziché utilizzare risorse già pubbliche, su un'area privata, mi sembra opportuno citare, ad uso dei Consiglieri comunali di Piacenza, il vangelo di Giovanni: "non fate della casa del Padre mio, un mercato"».

Federico Scarpa

Torna su
IlPiacenza è in caricamento