«Scelta infelice parlare di cannabis alla Camera del lavoro»

La deputata Murelli e l’assessore della Lega, Polledri, stigmatizzano il convegno del primo settembre: «Lì si dovrebbe parlare di lavoro. Non va banalizzato l’uso dei cannabinoidi che rovina i ragazzi e porta soldi nelle casse di mafiosi, terroristi e criminali»

La Lega prende posizione sul convegno sulla cannabis annunciato per il primo settembre, definendo la scelta «infelice» La deputata del Carroccio Elena Murelli evidenzia come «alla Camera del lavoro si parli di cannabis invece che dei problemi dei lavoratori. E di problemi ce ne sono, visto che a maggio l’stat registra ancora un 10,7% di senza lavoro, che balza al 30% per i giovani tra 15 e 24 anni, nonostante la crescita degli occupati dello 0,9 nel secondo trimestre».

Per l’assessore comunale alla Cultura, Massimo Polledri, «è un errore banalizzare un pericolo reale, come lo sono i cannabinoidi, soprattutto se si considera che il 44% dei ragazzi, fra i 17 e i 19 anni, ha provato il “fumo” almeno una volta. Purtroppo, di questi ragazzi circa il 6% svilupperà una sindrome da abuso, con ripercussioni anche sul tessuto sociale, portando a fallimenti scolastici, problemi di salute, crisi in famiglia. Inoltre, è pericoloso banalizzare e avallare un uso di queste sostanze, considerandole innocue, tralasciando invece che i guadagni miliardari finiscono a mafiosi, terroristi e criminali. Riteniamo si tratti di una decisione che non dovrebbe essere supportata da chi ha fatto la storia della difesa dei diritti dei lavoratori in Italia».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento