Scuola: 57mila senza lavoro Marino: facciamo sentire chiara la nostra voce

Situazione drammatica per i docenti della scuola italiana cosiddetti non di ruolo. Il candidato alla segreteria nazionale del Pd, Ignazio Marino, prende posizione: 57mila persone sono senza lavoro, “è questo il modo in cui il Governo affronta la crisi?

Dopo le proteste giunte anche da Piacenza sulla drammatica situazione in cui versa la scuola italiana a causa della riforma Gelmini, Ignazio Marino, candidato alla segreteria nazionale del Partito Democratico, prende posizione in proposito: 

“Ecco la scuola pubblica che vuole il ministro Gelmini: 57mila persone tra insegnanti e personale ausiliario senza lavoro, caos nelle graduatorie, donne e uomini costretti a forme di protesta estreme. Donne e uomini che stanno chiedendo semplicemente di poter lavorare sul più importante patrimonio di cui l'Italia dispone: i nostri ragazzi e la loro formazione, la loro cultura, il diritto allo studio per tutti.
  In 57mila rischiano il posto di lavoro nella scuola  

E' questo il modo in cui il Governo affronta la crisi? Le iniziative di protesta si allargano a macchia d'olio, da Trapani a Venezia, da Piacenza a Roma. Bisogna intervenire facendo sentire chiara e forte la nostra voce. E bisogna farlo avviando una grande riflessione su tutti i temi che la scuola comprende, coinvolgendo, oltre ai lavoratori anche i tanti cittadini che non accettano questo modo irresponsabile di far pagare la crisi a categorie già impoverite e umiliate. Questa deve essere una delle priorità del Partito Democratico”
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Mio marito è stato un dono per la mia vita»

  • Provincia in lutto, se ne è andata Roberta Solari

  • Covid-19, a Piacenza continuano a calare decessi e contagi

  • Contagi in drastico calo a Piacenza: il 7 aprile 17, ieri erano 44

  • Coronavirus e decessi, i numeri non tornano: se le vittime fossero molte di più?

  • Coronavirus, contagiati anche venti minori piacentini

Torna su
IlPiacenza è in caricamento