Sea Watch, Piacenza Possibile: «Consegnata in prefettura diffida contro Salvini, Conte e Toninelli»

Foto web

Nella mattina del 7 gennaio  il Comitato “Piacenza Possibile”, sede locale di Possibile, partito politico fondato da Giuseppe Civati nel 2015, ha consegnato al Prefetto una diffida diretta al presidente del Consiglio dei Ministri, al ministro dell’Interno e al ministro delle Infrastrutture, richiedendo alle autorità di «fornire un approdo immediato e sicuro ai migranti salvati dalla nave ong c per garantire il rispetto delle norme costituzionali e dei trattati internazionali in materia. Questa stessa diffida  - si legge in una nota - scritta dal cosegretario di Possibile Andrea Maestri, avvocato esperto di immigrazione, è già stata presentata alle prefetture di oltre novanta Province nei giorni scorsi, da cittadini mossi dal desiderio di ripristinare la legalità ed il rispetto per la vita umana che le attuali istituzioni stanno ignorando». «È bene ricordare - proseguono - infatti, che si sta parlando del destino di 49 vite umane, abbandonate al largo dai rappresentanti del Governo per un’inutile prova di forza. Come in altre occasioni, è sconvolgente la disumanità di tale atto, e la sproporzione tra la misura adottata dal Governo (il blocco dei porti) e l’esiguo numero di migranti in difficoltà, tra cui sono presenti bambini e altri soggetti vulnerabili».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

  • Animale sulla strada, si ribalta con l'auto in un campo: ferito

Torna su
IlPiacenza è in caricamento