Politica

Servizi cimiteriali, il Comune individua un sostituto temporaneo

Prosegue la “guerra” tra l’ente e la “Piacenza Servizi Cimiteriali”. La società presenta ricorso in Tribunale dopo la diffida, mentre il Comune la sostituisce provvisoriamente nella gestione e cura dei cimiteri

Lo scontro tra il Comune di Piacenza e la società “Piacenza Servizi Cimiteriali” approda in Tribunale, mentre lo stesso ente intima di restituire le chiavi dei cimiteri e provvede ad affidare la loro gestione un’altra ditta. Com’è noto, da tempo i problemi di rapporti sono logori (le parti si contestano diverse cose), tanto il comune ha inviato una diffida a marzo. La società non si è adeguata alle richieste intimate ed è passata al contrattacco, presentando ricorso al Tribunale civile di Piacenza. Il Comune vuole estromettere dalla gestione la Piacenza Servizi Cimiteriali. Non può sostituirsi in prima persona, perché il servizio di cura delle strutture cimiteriali è esternalizzato da anni e non ha più i mezzi, gli strumenti e il personale da dedicare a questa attività. Alla luce della necessità di proseguire il servizio, delicato anche per la salute e l’igiene pubblica, il sindaco Patrizia Barbieri, con un’ordinanza, ha sostituito il concessionario con un’altra società. Arriva in soccorso, per sei mesi, la Altair funeral s.r.l., in qualità di socio unico della Osiride S.r.l, concessionaria per la gestione del forno crematorio del Comune di Piacenza, congiuntamente alla società Sanitaria Servizi Ambientali s.r.l. (con la quale costituirà specifico RTI in caso di affidamento). Subentrerà per dare continuità al servizio.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Servizi cimiteriali, il Comune individua un sostituto temporaneo

IlPiacenza è in caricamento