Si Cobas: «Usb ci ha aggredito. Non si equiparino i due sindacati»

Il Si Cobas piacentino «vuole controbattere con decisione alle parole del’onorevole Tommaso Foti apparse sui quotidiani. Nel suo intervento, Foti richiama l’attenzione sulle "contrapposizioni fra sindacato Usb e Si Cobas" cui sarebbe a suo dire da imputare il rischio di un abbandono da parte della multinazionale Gls del territorio piacentino. Mettiamo formalmente in guardia l’onorevole dal ripetere detta formula generica che, così come è stata riportata dai giornali, può lasciare intendere che sia possibile equiparare le posizioni degli appartenenti ai due sindacati all’interno delle tumultuose vicende avvenute dentro e all’esterno del magazzino Gls».

«Come andiamo ripetendo da mesi - si legge in una nota - infatti, ciò a cui abbiamo assistito è stata un’aggressione violenta e ripetuta da parte degli aderenti alla Usb nei confronti degli iscritti Si Cobas, non fondata su alcuna divergenza sindacale ma solamente su un’aggressiva volontà di espansione in termini di iscritti. Ora anche l’azienda, dopo mesi di equilibrismo complice, ha dovuto prendere atto dell’incontrovertibile veridicità della nostra versione dei fatti e di conseguenza procedere a dei licenziamenti. Licenziamenti di cui, si badi bene, non ci felicitiamo perché scaricano sulle spalle di lavoratori pur in errore le responsabilità dei loro dirigenti».

«A fronte di questa appurata unidirezionalità degli episodi di violenza (in alcuni casi di vero e proprio squadrismo), non possiamo in alcun modo accettare di sentire ancora utilizzare formule retoriche che possano anche solo lasciare intuire un’equiparazione delle responsabilità. Lo stabilimento di Montale è effettivamente a rischio, ma il Si Cobas (cui aderiscono 88 su 92 operai rimasti in servizio nel magazzino) si è già attivato per la difesa dell’occupazione ed è deciso a portare sino in fondo questa battaglia. Se possibile, -prosegue - con la diplomazia. In caso contrario, adottando tutti gli strumenti di lotta sindacale consoni a far cambiare intendimenti alla multinazionale, anche con iniziative fuori Piacenza rese possibili dal fatto di essere l’unico sindacato radicato in tutti i suoi magazzini a livello nazionale. Molti dei facchini operanti in Gls provengono da paesi ridotti alla miseria dal colonialismo italiano che Foti rivendica quale parte integrante dell’ideologia nostalgica a cui si richiama».

«Un colonialismo fra i più aggressivi e violenti della storia che ha privato i paesi di origine di ogni mezzo per innescare uno sviluppo e che ha visto episodi efferati di genocidio e stupro da parte delle truppe coloniali italiane. Quando si dice “aiutiamoli a casa loro” bisognerebbe ricordare come l’Italia abbia ridotto nel corso del Novecento “casa loro”, fattore ben presente nelle coscienze degli operai coinvolti che non sono quindi in cerca di tutela alcuna che non venga dal Sindacato Si Cobas, già fautore della loro fuoriuscita da condizioni di lavoro semi-schiaviste grazie alla gloriosa lotta del 2.012 proprio di fronte al magazzino di Montale. Ciò a cui Foti rimanda con il suo intervento è la necessità di ulteriori capannoni destnati a logistica nel terriotrio piacentino. Una scelta a nostro avviso miope di cui l’attuale e la precedente giunta comunale si sono rese artefici con il folle piano di edificazione a Roncaglia».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Oltre all’evidente rischio alluvioni, che non ha bisogno di essere comprovato, questa scelta  - conclude - comporterebbe un ulteriore peggioramento della già mortifera qualità dell’aria nel piacentino e rinuncerebbe a indirizzare lo sviluppo locale su settori a maggiore valore aggiunto. Noi sosteniamo invece che le ragioni del lavoro, dello sviluppo sociale e della salute debbano andare di pari passo, prevenendo quindi ulteriore impermeabilizzazione del suolo e attrazione di veicoli. Al contempo, si deve migliorare la qualità del lavoro all’interno dei magazzini esistenti. Speriamo pertanto che, ora che la nefasta e controproducente parentesi di Usb logistica sembra essere franata sulle sue contraddizioni costitutive, si possa riprendere la marcia trionfale di vittorie e miglioramenti che nell’ultima decade il Si Cobas ha intrapreso nel piacentino. Si parli di risistemazione ed efficentazione ecologica dei magazzini, di riduzione dei carichi di lavoro a parità di salario, di avanzamenti contrattuali. Ma non di ulteriore consumo di campagna e soprattutto mai più di violenza fra operai e di guerra fra poveri, elementi di cui benficiano solo coloro che non hanno il problema di mettere insieme il pranzo con la cena».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento