«Siamo una lista in grado di dare risposte alla città»

Sandra Ponzini ha presentato alla Cooperativa di Sant’Antonio i candidati della sua lista “Passione civica-Ponzini sindaca”

Sandra Ponzini e i suoi candidati

Sandra Ponzini, 49 anni, insegnante e consigliere comunale uscente del Gruppo Misto (fino a poco tempo fa nel Pd, poi fuoriuscita per far parte di “Articolo 1-Movimento democratico progressista) ha presentata la sua lista alla cooperativa di Sant’Antonio. La compagine si chiama “Passione Civica-Ponzini sindaca”. «La lista nasce – spiega la stessa candidata sindaco - con l’ambizione di riempire un vuoto e dare risposte a delle persone che in questi anni non si sono ritrovate in nessuna proposta. Persone che non sono andate a votare perché erano spaesate. Questa è una lista veramente civica, fatta di tante donne e giovani che non hanno appartenenze politiche, affiancate da persone più esperte del campo del centrosinistra. Persone con sensibilità diverse ma in grado di saper dare delle risposte alla città di Piacenza».

La lista non avrà così il simbolo di Articolo 1, il movimento di Bersani e Migliavacca che inizialmente pensava a candidare sindaco Francesco Cacciatore. «Trentadue persone – ha proseguito Ponzini - che conoscono Piacenza e le esigenze della nostra città, che hanno un’età media di 49 anni. Il vero centrosinistra deve dialogare con le persone, andare sul territorio. Questi cittadini mi fanno guardare con ottimismo all’appuntamento dell’11 giugno». Diversi i “big” in lista, comeMario Angelillo, Flavio Antelmi (ex sindaco di Fiorenzuola), insieme a Giampaolo Speroni e Roberto Bassi: «Voglio dedicare tempo alla comunità, sono da poco in pensione». Ma ci sono anche l’esperienza di Ferrante Trambaglio e Milvia Urbinati, che si è impegnata nella campagna referendaria per il “No”.

Mentre esponenti noti di Mdp come Francesco Cacciatore, Nino Beretta e Alessandro Ghisoni rimangono in disparte, i candidati consiglieri hanno detto la loro. «Amo la mia città», ha esordito Davide Braghieri-. Francesco Casati è il più giovane con 19 anni. «Ho deciso di aderire perché credo nel programma e nelle persone che ne fanno parte, per contribuire allo sviluppo della città». «Appoggio la linea guida della lista di Ponzini, sono sicuro che governeremo Piacenza meglio di prima e Ponzini farà il sindaco», ha osservato Ferdenzi. «Ho visto in questi anni tante problematiche aziendali, non siamo più un’oasi felice nel mondo del lavoro – ha aggiunto Fabio Florio». «Abbiamo il miglior candidato sindaco» – ha dichiarato Ibraj, di origine albanese -. «Bisogna – è la precisazione di Marchetta - far andare d’accordo le generazioni tra loro, la società richiede questo». «Sono motivata – ha invece detto Mina Mejdboud, di origine marocchina - da un aspetto personale: da immigrata diventata cittadina italiana voglio partecipare alla vita reale politica piacentina e occuparmi di sociale, disabilità, anziani e integrazione. Sono una nuova italiana, è giusto affrontare i problemi da un’ottica diversa per valorizzare gli immigrati. Gli stranieri devono essere una risorsa, tra i più giovani il problema dell’integrazione è meno percepito. Voglio dare un contributo a Piacenza, città che mi ha accolto». Punta sullo sport Rosanna Narducci, già organizzatrice della Gran Fondo Colnago. Nel gruppo diverse insegnanti di scuole di vario grado. «Mi candido – è l’intervento di Andrea Rota - per restituire alla mia città tutto quello che mi ha dato in questi 51 anni di vita qua». «La passione civica è una caratteristica di questa lista – ha dichiarato Speroni, già consigliere provinciale -. Sono in lista per parlare a Piacenza di questione sociale. Le istituzioni devono risolvere i bisogno della povera gente». «Bisogna colmare – ha osservato Urbinati - il distacco tra establishment e cittadini, Sandra è una persona coerente, è quella giusta per farlo». «Quando saremo al governo della città – è il monito di Angelillo – alimenteremo il senso di comunità. Questa Amministrazione è stata autoreferenziale, ha preso decisioni poco condivise. Voglio che ci sia un senso di comunità: noi le decisioni le prenderemo tutti insieme. Oltre a saper accogliere in modo dignitoso tutte le persone che vogliono vivere nella nostra città». «Se fosse stata solo la lista di Articolo 1 non sarei entrato – ha concluso Antelmi, ex primo cittadino a Fiorenzuola -, ma questa è una vera lista civica».

Ponzini ha risposto alle dichiarazioni del segretario Pd Paolo Sckokai, che ha rimarcato l’appartenenza della coalizione di Rizzi al centrosinistra. «Mi è nuovo – ha replicato - che un segretario deve ribadire che quella è una coalizione di centrosinistra, se l’ha detto vuol dire che c’è qualche problema». Il candidato sindaco ha ripercorso l’abbandono dal Pd. «Io sono partita da consigliere di circoscrizione per l’Ulivo, poi sono entrata nel Pd. Fino a pochi mesi fa appartenevo a loro, mi sono allontanata per i motivi ben noti». «Sono uscita perché non era più la mia casa, non c’era condivisione, ero a disagio. Qualcuno comandava a livello locale e nazionale. Non mi trovavo più nei loro provvedimenti, non mi sembravano di un governo di centrosinistra. Sono uscita per coerenza».

La lista dei candidati di “Passione civica-Ponzini sindaca”:

Angelillo Mario 60 libero professionista

Antelmi Flavio 58 avvocato

Bassi Roberto 60 pensionato

Braghieri Davide 49 progettista veicoli industriali

Casati Francesco 19 studente

Cella Carolina 30 impiegata settore logistica

Ciavattini Dalila 56 impiegata

Devoti Lara 44 impiegata

Ferdenzi Adriano 67 pensionato

Ferrari Carlo 60 procacciatore d’affari

Ferri Sergio 49 fotografo

Florio Fabio 49 funzionario commerciale

Gobbi Federica 25 collaboratrice aziendale

Grimeri Filippo 61 informatore medico scientifico

Groppelli Serena 38 fotografa

IbrajAgim 41 impiegato

Marchetta Marco 67 pensionato

Mazzari Francesca 25 infermiera

Mejdoub Mina 49 mediatrice interculturale

Narducci Rossana 54 commerciante

Peveri Danilo 58 artigiano

Poggi Paola 35 insegnante

Portesi Angela 49 insegnante

Prai Giorgia 44 insegnante

Prandini Giampaolo

Rancati Enrico 41 consulente finanziario

Rota Andrea 51 impiegato

Sogni Loretta 51 operatrice socio sanitaria

Speroni Giampaolo 55 addetto alla manutenzione

Urbinati Milvia 57 project manager

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento