menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sicurezza alimentare, Foti (Fd’I): «Quante ispezioni delle Asl alle feste di partito e non?»

Da alcuni episodi prende le mosse un’interpellanza del consigliere regionale Tommaso Foti (Fdi-An), che cita, come “particolarmente significativa”, la “presa di posizione” del presidente di Confcommercio-Imprese per l'Italia Reggio Emilia sulla somministrazione di alimenti e bevande

Notizie di agenzia e di stampa riferiscono che, alcuni giorni fa, una donna che aveva cenato ad una festa di partito a Follonica (Grosseto) sarebbe deceduta per un'intossicazione. E’ inoltre nota la partecipazione, in qualità di "volontari", di immigrati, in attesa di conseguire o meno il diritto di asilo, a Festareggio 2015, organizzata dal Partito democratico e ciò “mentre un esercente pubblico per potere essere coadiuvato da un proprio famigliare, anche occasionalmente, nell'attività è sottoposto a ogni genere di controllo”.

Da detti episodi prende le mosse un’interpellanza del consigliere regionale piacentino Tommaso Foti (Fdi-An), che cita, come “particolarmente significativa”, la “presa di posizione” del presidente di Confcommercio-Imprese per l'Italia Reggio Emilia sulla somministrazione di alimenti e bevande, secondo la quale "....non si capisce perché tante e sempre più soffocanti regole, tasse e obblighi burocratici debbano gravare sui cittadini e le imprese, e sempre più privilegi, esenzioni, eccezioni siano consentiti alla politica e ai propri engagé. Che poi sono quegli stessi soggetti che da un lato deliberano libertà, emolumenti, incarichi e privilegi per se stessi, e dall'altro impongono tasse, vincoli e adempimenti al Paese".

“Nei fatti, secondo la normativa vigente - segnala Foti - il gestore della manifestazione temporanea con preparazione e somministrazione di alimenti deve mettere in atto tutte le modalita? di garanzia della sicurezza alimentare partendo dai prerequisiti. L’Azienda sanitaria locale deve verificare i requisiti igienico-sanitari e le modalita? di gestione delle attivita? da parte dell’operatore del settore alimentare (Osa) esclusivamente ai fini della sicurezza alimentare. Esulano, infatti, dalle competenze dell’Asl i controlli derivanti dall’applicazione delle norme di sicurezza, antincendio, impiantistica, pubblica sicurezza e, in ogni caso, tutto ciò che non rientri nell’ambito della sicurezza alimentare”. “Diverse - specifica ancora il consigliere di Fratelli d'Italia - sono le prescrizioni richieste per le manifestazioni temporanee in cui si effettua la sola somministrazione di alimenti e bevande preparati in altri locali e trasportati nel luogo dove vengono consumati, da quelle richieste per le manifestazioni temporanee in cui si effettua la preparazione/cottura per la somministrazione di alimenti da consumarsi immediatamente dopo la cottura”. Le attivita? di preparazione e/o somministrazione di alimenti presenti nelle manifestazioni temporanee - aggiunge Foti - sono soggette a segnalazione certificata di inizio attivita? (Scia), che deve essere presentata all’Asl territorialmente competente, e, per conoscenza, al Comune dove si tiene la manifestazione.

Foti chiede quindi "se e quali ispezioni siano state disposte, nel 2015, dalle singole Asl della regione Emilia-Romagna nel corso delle  manifestazioni a carattere temporaneo con somministrazione e preparazione di alimenti, se siano emerse condizioni tali da influire negativamente sulla sicurezza alimentare e, in caso di risposta affermativa, quali prescrizioni siano state assunte".

Il consigliere di Fratelli d'Italia vuole infine sapere se la Giunta, dopo aver sentito i “soggetti maggiormente rappresentativi d’interessi”, intenda definire indirizzi generali: in primo luogo, per predisporre linee guida per l'applicazione della normativa comunitaria sulla sicurezza alimentare nell’ambito delle manifestazioni temporanee; in secondo luogo, per evitare forme di concorrenza sleale, nella somministrazione temporanea di alimenti e bevande in occasione di sagre e fiere, attuate in modo surrettizio e aggirando gli obblighi previsti dalla normativa; da ultimo, per sostenere iniziative e manifestazioni temporanee nelle quali la somministrazione di cibi e bevande abbia la prevalente finalita? di valorizzazione i prodotti tipici e tradizionali del nostro territorio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento