menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fabio Callori

Fabio Callori

Sicurezza e carceri, Callori: «Più attenzione per polizia penitenziaria, ma governo non dà garanzie»

Il consigliere regionale Fabio Callori di Fratelli d’Italia torna sul tema già trattato durante i gravi episodi di violenza compiuti da alcuni detenuti nella Casa circondariale di Piacenza

«La questione da mettere al centro è la tutela degli agenti della Polizia penitenziaria. La loro attività è dura, difficile, a contatto, 24 ore su 24, tutto l’anno, con situazioni anche a rischio per la loro incolumità, con organici sottodimensionati e nessuna dotazione di efficaci mezzi di deterrenza». Il consigliere regionale Fabio Callori di Fratelli d’Italia torna sul tema già trattato durante i gravi episodi di violenza compiuti da alcuni detenuti nella Casa circondariale di Piacenza.

«Sappiamo che la Lega al governo aveva previsto nuove assunzioni e più attenzione nei confronti del Corpo, ma dell’esecutivo in nuce non c’è da fidarsi. Il Movimento 5 stelle si manterrà fermo sulle promesse fatte in questo primo anno di governo o, piuttosto, si assoggetterà ai diktat del Pd, che certamente non si è mai distinto per attenzione e tutela nei confronti delle Forze dell’Ordine e, quindi, della Polizia penitenziaria? Il timore è che stia perdendo terreno tutto ciò che si prospettava innovativo e che finalmente avrebbe potuto garantire la giusta attenzione alla sicurezza del paese e, in particolare, a chi questa sicurezza la tutela, a rischio della propria incolumità. E che tornino prepotentemente alla ribalta il lassismo dei governi dem, mascherato da buonismo, e il totale disinteresse della sinistra nei confronti del contrasto alla criminalità e al degrado che, temo, riprenderanno a imperversare nel paese insieme a flussi incontrollati di migranti irregolari. Contrasto alla criminalità e al degrado che necessita di più uomini, di più risorse e di un’attenzione costante e senza sconti. La sicurezza non è un optional, neppure in carcere, ma la sinistra non l’ha ancora capito. Come non ha compreso che il tifo da stadio, spesso strumentalizzato politicamente, a favore di chi viola le leggi non fa che accrescere confusione e disillusione nei confronti dello Stato. E così anche l’attenzione e la comprensione dirette quasi esclusivamente a chi la legge l’ha violata e non a chi la tutela non fanno che offuscare quell’alleanza che dovrebbe essere naturale tra cittadini e istituzioni. Porremo dunque la massima attenzione sulle azioni che verranno attuate nei prossimi mesi, se mai il futuro governo dovesse sopravvivere, nei confronti del corpo della Polizia penitenziaria e della sicurezza in generale. Come guarderemo con interesse all’improrogabile progetto di riorganizzazione del Corpo di Polizia penitenziaria e all’azione sia del Garante dei Detenuti nazionale, che del Garante dell’Emilia Romagna, figure che certamente dovrebbero mantenersi estranee alla ribalta della politica militante».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Lavoro domestico, 500 domande per sanatoria da Cgil e Cisl: «Stallo di mesi per iter rigido, a rimetterci sono le più fragili»

Attualità

La partenza del Giro entusiasma piazza Cavalli

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento