menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Mirta Quagliaroli e Andrea Gabbiani

Mirta Quagliaroli e Andrea Gabbiani

Sicurezza nelle scuole, M5S:«Urge far chiarezza su compiti e responsabilità»

I consiglieri comunali del M5S: «E' partita da Piacenza l'importante iniziativa di un'interrogazione alla commissione parlamentare in merito alla sicurezza nelle scuole»

«E' partita da Piacenza - si legge in una nota dei consiglieri comunali del Movimento 5 stelle - l'importante iniziativa di un'interrogazione alla commissione parlamentare in merito alla sicurezza nelle scuole. Ci preme ringraziare gli esperti che ci hanno contattato per segnalare il problema alla nostra attenzione, insieme a loro abbiamo predisposto una bozza di interrogazione recepita e presentata dal deputato del m5s Danilo Toninelli, primo firmatario. La sicurezza nelle nostre scuole è di prioritaria importanza. E' purtroppo noto, e spesso causa di episodi di cronaca, il cattivo stato di manutenzione ordinaria e straordinaria degli edifici in cui i nostri figli passano tanta parte del proprio tempo quotidianamente, cattivo stato evidenziato dal rapporto sulla sicurezza negli edifici scolastici di "Cittadinanzattiva" del 2015».

«Dal lontano aprile 2010 - continuano i consiglieri del M5s Mirta Quagliaroli, Andrea Gabbiani e Barbara Tarquini - si attende l'emanazione del decreto interministeriale applicativo dell'articolo 3 del decreto legislativo n. 81 del 2008, per la parte in cui prevede che, in relazione agli istituti di istruzione ed educazione di ogni ordine e grado, le norme siano applicate tenendo conto delle particolari esigenze connesse al servizio espletato e alle peculiarità organizzative, individuate con un apposito decreto ministeriale. Purtroppo tale decreto attuativo non è mai stato emesso,con la conseguenza di una totale incertezza in merito a competenze e obblighi, sia dei proprietari degli immobili sia dei dirigenti scolastici, rispetto alla sicurezza e agli interventi manutentivi». 

«La necessità e l'urgenza di fare chiarezza su compiti e responsabilità sono tanto più pressanti - conclude la nota - perchè la mancanza del decreto attuativo comporta, nel malaugurato caso di incidenti che causino danni agli studenti, che la ricerca di eventuali colpevoli diventa difficoltosa e dolorosa, per gli inquirenti, per la magistratura, per le vittime, per chi si ritrova con oneri esorbitanti il proprio ruolo. Quali siano i motivi di questa mancata emanazione, se e quali eventuali diverse iniziative i Ministri interrogati abbiano assunto, o intendano assumere, relativamente alla questione esposta purtroppo al momento non è dato sapere. Attendiamo la risposta, noi, genitori e figli, la meritiamo».


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Nell'ultima settimana contagi in calo del 33% nel Piacentino

  • Attualità

    A Ottone una via dedicata alla Giornata della Memoria

  • Cronaca

    Covid-19, altri 83 nuovi casi e sei decessi nel Piacentino

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento