rotate-mobile
Lunedì, 29 Novembre 2021
Politica

«Sono per la riduzione dei parlamentari, ma non certo per creare un solco tra 5 Stelle e sinistra»

Referendum, Pier Luigi Bersani: «Sono sempre stato per un taglio, per rendere più efficiente la rappresentanza. Ma il percorso verso una nuova legge elettorale deve essere credibile e bisogna evitare il “trappolone” di alcuni, che vogliono destabilizzare questo Governo»

«Mi si chiede che cosa farò al referendum. Su un tema così controverso ogni opinione in famiglia è legittima e va rispettata. Io, assieme a molti altri a sinistra, ho sempre proposto la riduzione dei parlamentari. Non certo per antiparlamentarismo, ma per l'efficienza e l'autorevolezza della rappresentanza. Tutto questo naturalmente in un quadro di condizioni coerenti e necessarie. Rimango di quella idea». Così Pier Luigi Bersani, deputato piacentino e leader di “Liberi e Uguali-Articolo Uno”, ha espresso le sue idee sul referendum costituzionale del prossimo 20 e 21 settembre sul taglio dei parlamentari.

«Che cosa farò ora? Guarderò – prosegue il bettolese Bersani con un post sulla sua pagina Facebook - nei prossimi giorni due cose. La prima sarà la credibilità del percorso. Il percorso di una nuova legge elettorale, certamente, ma prima ancora del progetto di legge Fornaro. Lì si risolve una distorsione nella rappresentanza del Senato che ci ha già destabilizzati più volte e che con la riforma si aggraverebbe».

«La seconda cosa che guarderò – aggiunge l’ex ministro ed ex presidente della Regione - sarà l'andamento del "trappolone". Chiamo così la campagna per un no insincero, mirato ad aprire un solco incolmabile tra 5 Stelle e sinistra, e quindi a destabilizzare il governo. Prendesse piede questa campagna che è già in corso, non mi ci arruolerei di certo».

«Davanti all'appuntamento referendario – conclude Bersani - è ovvio e sacrosanto che prevalga l'elemento costituzionale e istituzionale. Vedo tuttavia troppa noncuranza, anche in questo passaggio, di un dato politico profondo. Nella storia d'Italia tutte le volte che forze democratiche non hanno compreso di dover trasformare una controversa prossimità in un progetto e in un campo comune, hanno lasciato strada libera alle destre, da tragedia o da operetta che fossero».

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Sono per la riduzione dei parlamentari, ma non certo per creare un solco tra 5 Stelle e sinistra»

IlPiacenza è in caricamento