«Speranza concorda un’ordinanza con le regioni e 24 ore dopo chiude tutto»

Foti: «Assurdo che siano in vigore due ordinanze, quella del Governo e quella della Regione, così si alimenta il caos»

«In un momento già oltremodo difficile sul piano economico, per non parlare di quello sanitario, ci mancano solo i repentini cambi di roberto speranza-5opinione del Ministro della salute per mandare a fondo la barca. Tanto che viene da chiedersi se Speranza c’è o si fa». Lo sostiene Tommaso Foti, vice capogruppo vicario di Fratelli d’Italia alla Camera. «In sole 24 ore, infatti, il Ministro è passato dall’avere concordato con le Regioni l’apertura dalle 5 alle 18 di bar, ristoranti, pub alla chiusura totale degli stessi, eccezion fatta per chi svolge attività d’asporto. E per dare il colpo di grazia ai ristoratori - polemizza il deputato piacentino - Speranza non ha aspettato neppure che trascorresse la domenica, costringendo così chi si era approvvigionato il giorno prima a buttar via gran parte della fornitura, con ulteriore danno economico che si aggiunge a quello patito dall’inizio dell’epidemia».

«Non solo, ma in questa tragica della gestione della crisi sanitaria, in verità ben oltre la farsa atteso i protagonisti, siamo arrivati all’assurda situazione - continua Foti - che vede in vigore al tempo stesso due ordinanze: una della Regione, assunta in regime di “zona gialla”, più ristrettiva rispetto alle misure ad essa collegate, e l’altra del Ministro della Salute che, in ragione della classificazione l’Emilia-Romagna in “zona arancione”, comporta misure del tutto diverse da quelle regionali». «E così in questa forzosa e illegittima contemporanea coesistenza di ordinanze, se la Regione autorizza, con il consenso di Speranza, l’apertura di bar, ristoranti e pub dalle 5 alle Tommaso Foti-25-218, la successiva ordinanza di Speranza, sentito il presidente della Regione, lo vieta. E al contrario - continua il parlamentare di FdI - se l’ordinanza della Regione, con il consenso di Speranza prevede la chiusura di tutte le medie e grandi superfici commerciali, la successiva ordinanza del Ministro della salute, sentito il presidente della Regione, prevede che restino chiusi i soli centri commerciali».

«Di questa penosa contraddittorietà di norme frutto di una malsana competizione tra federalismo e centralismo - evidenzia il parlamentare di Fratelli d’Italia - ne fa le spese non certo la burocrazia, che lo stipendio comunque percepisce, ma le migliaia di commercianti, che già la crisi di questi mesi ha lasciato in mutande, e i sempre più disorientati consumatori». «Abbiano governo e regione almeno la dignità di non produrre altri danni alla nostra gente e si accordino su un’unica ordinanza da mantenere in vigore e fare rispettare. È nella chiarezza delle norme e non di certo dalla contraddittoria emanazione delle stesse - conclude Foti - che si può poi chiederne il pieno rispetto agli operatori economici e ai cittadini. Diversamente si alimenta solo il caos, che non vorrei che fosse l’obiettivo comune di Ministero e Regione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento