Stop a stufe e camini, Tagliaferri: «La giunta Bonaccini ha promesso di rimediare ma ci fidiamo il giusto»

“La Giunta regionale ha promesso di sbrogliare il pasticcio dello stop a camini e stufe previsto dal primo ottobre, dopo la sollevazione generale in Emilia Romagna. Ma ci fidiamo il giusto. Certo staremo con gli occhi aperti. Fin dai tempi della discussione avvenuta in Regione sul Piano aria integrato regionale 2020 (Pair), Fratelli d’Italia aveva assunto una posizione critica anche sulla nuova regolamentazione per l’utilizzo dei sistemi di riscaldamento alimentati a biomassa legnosa, presentando emendamenti poi caduti nel nulla. Era quindi ben prevedibile che un provvedimento calato dall’alto, imposto ai cittadini senza considerare tempi, costi, problemi, avrebbe provocato proteste, per altro legittime. La Regione, infatti, nel redigere il Piano, sembra non aver tenuto conto della realtà, mappando la situazione e il numero di utilizzatori di camini, stufe e simili, per capire l’impatto che avrebbe avuto il Piano sugli abitanti. Ma ci sono responsabilità anche per il mancato coinvolgimento in queste decisioni dei diretti interessati. E’ vero che altre Regioni hanno varato provvedimenti simili, ma hanno anche previsto deroghe e incentivi. Cosa che avrebbe dovuto fare anche la Giunta dell’Emilia Romagna, ma non ha fatto. E oggi raccoglie quello che ha seminato, male”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento