"Stop all'invasione", Forza Nuova scende in piazza

Forza Nuova scenderà in piazza a Piacenza il 20 maggio con "una manifestazione contro le politiche di accoglienza e sostituzione etnica in corso"

«È da mesi che circola la notizia che sia in corso di valutazione di accogliere altri 1500 profughi nella provincia di Piacenza. Il prefetto sta valutando le offerte di gestori che dovrebbero gestire questo incredibile flusso di persone, con i piacentini che assistono impotenti. Fra queste vi sono strutture che non ospiteranno più viaggiatori o turisti ma solo richiedenti asilo, sicuramente più fruttuosi per le loro casse, dato la quantità di soldi pubblici che riceveranno per ogni “ospite”. Uguale discorso vale per i comuni, che riceveranno cospicue somme di denaro pubblico, come ad esempio i 178.000 euro che riceverà il comune di Piacenza. Insomma l'accoglienza-business va a gonfie vele». Scrive Barbara Cremona, coordinatore provinciale del movimento. 

«Forza Nuova - dichiara - ritiene scandaloso che ciò possa avvenire, soprattutto alla luce dei problemi di sicurezza già emersi a Piacenza e nel resto d' Italia a causa dell' accoglienza. Basta leggere le notizie che ogni giorno riportano di episodi di spaccio, furti e violenza da parte dei richiedenti asilo nei confronti della popolazione e delle forza dell' ordine. Inoltre non ci stancheremo mai di ribadire che le istituzioni dovrebbero occuparsi delle famiglie italiane in difficoltà e più in generale di attuare una politica volta a incentivare occupazione, natalità e benessere in generale degli italiani, in un momento storico come quello che stiamo vivendo, dove si rileva un impoverimento dei cittadini e una crescita demografica pari a zero».

«Per questi motivi Forza Nuova scenderà in piazza a Piacenza il 20 maggio, con una manifestazione contro le politiche di accoglienza e sostituzione etnica in corso, dove verranno mostrati tanti cartellini rossi, a rappresentare simbolicamente le espulsioni che il nostro movimento richiede e richiederà sia a carattere locale che nazionale. Chiediamo a tutta la popolazione di partecipare numerosa a difesa della nostra provincia. Ricordiamo che questo è il momento di agire perché presto sarà troppo tardi per farlo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al fisco 5mila euro e lavoratori in nero ma in casa un tesoro da mezzo milione: ristoratori indagati

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento