Strada Caorsana, il Comune chiude un contenzioso ma la minoranza vuole vederci chiaro

L’Amministrazione esulta per "aver risparmiato" 175mila euro di indennizzi per un esproprio. L'area tornerà privata. Il centrodestra: «Operazione conveniente». I dubbi delle opposizioni sull'accordo. Ma il sindaco stoppa i sospetti: «No retro-pensieri, non siamo la Giunta del cemento»

Due fratelli, proprietari di un’area, e un contenzioso che dura da quasi 15 anni. Si sta arrivando a un accordo definitivo tra il Comune di Piacenza e la famiglia composta da Alfredo e Gina Casella, che potrebbero tornare proprietari di un’area da 25mila metri quadrati tra strada Caorsana e via dell’Artigianato, vicina a un’altra area che già ospita una stazione di carburanti (di loro proprietà anche questa). L’area era stata espropriata in passato dal Comune – ai tempi della Giunta Reggi -, perché ritenuta di «pubblica utilità». Qua, infatti, sono stati piantumati alberi, cespugli, fiori per abbellire una delle zone industriali più trafficate della città. L’esproprio dell’area non è stato indolore. La famiglia Casella si è sempre rifiutata di lasciare al Comune lo spazio. Inizialmente l’area è stata valutata 135mila euro. Un’altra perizia del Ctu aveva poi stabilito un esborso da oltre 300mila euro. Ma i privati sono sempre opposti, pretendendo dal Comune due milioni di euro. L’ultima perizia ha definito in 175mila il valore dell’esproprio comunale, cifra ancora una volta rifiutata, insieme alla volontà dell’ente di restituire una parte, vicina al distributore di benzina, per consentire un suo allargamento. Il contenzioso è andato avanti a lungo – impegnando notevolmente l’ufficio legale del Comune (le spese sono salite a 27mila euro solo per questa vicenda processuale) - e solo adesso si è arrivati a un accordo, prima di andare a sentenza. Il Comune rinuncia alla proprietà dell’area, che tornerebbe ai Casella. Questi, tornati proprietari, garantiscono di non toccare l’area e di mantenerla a verde. I privati rinunciano così all’indennizzo da 175mila euro (l’ultima perizia) per l’esproprio e si accollano anche 5mila euro (delle 27mila) di spese legali del Comune.

La maggioranza esulta per aver portato a casa questo risultato, importante per le casse comunali (già alle prese con altri “sanguinosi” risarcimenti). Luigi Rabuffi-14-3Un’operazione che dal punto di vista economico può rendere molto soddisfatta la Giunta. L’opposizione, però, non crede alla bontà dell’accordo. Il primo a non nascondere il sospetto è il consigliere di “Piacenza in Comune” Luigi Rabuffi. «A leggere la delibera – spiega Rabuffi - sembra che ci troviamo di fronte a dei benefattori e a dei filantropi. Mi lascia dei dubbi questa operazione. Non è un pregiudizio: dico questo dopo aver letto tutti gli atti messi insieme dagli uffici. I proprietari non accettarono in origine gli indennizzi previsti e chiesero due milioni di euro per la loro area. E per lungo tempo non sono voluti arrivare a un accordo bonario con l’ente». Poi, ad un passo dalla sentenza, il colpo di scena. «Cambiano idea d’un tratto. O forse dietro questa “inversione a U” c’è l’idea di riprendersi la proprietà dell’area e nei prossimi mesi proporre qualche novità edificatoria, visto l’atteggiamento dell’Amministrazione». Rabuffi sostiene che i proprietari potrebbero avere in progetto di realizzare un secondo impianto di costruzione carburanti, molto diverso dalla proposta del Comune di consentire soltanto un piccolo allargamento. «Oggi sanno di avere la strada in discesa, rispetto ai tempi della Giunta Dosi».

«Questo contenzioso dura da 15 anni – ha detto Sergio Pecorara (capogruppo Forza Italia) -, ovvero tre mandati d’Amministrazione. Oggi i privati rinunciano a 175mila euro di indennizzo. Chiudiamo definitivamente questa telenovela». Il primo cittadino rifiuta qualsiasi contestazione. «Dopo tanti anni i privati – ha sottolineato il sindaco Patrizia Barbieri - hanno capito che è ora di desistere, i Massimo Trespidi 2-2-2legali avranno consigliato a loro di rinunciare. Ecco perché proprio adesso si arriva a una transazione e si chiude la vicenda. L’area rimane verde, non ci sono dentro altri retro-pensieri o sotterfugi. Sono stanca dei retro-pensieri. Così come sono stanca di sentirci dire che siamo la “Giunta dei supermercati”. Noi abbiamo solo recuperato due aree degradate e individuato la sede del nuovo ospedale. E in questa delibera c’è solo una transazione tra due parti e l’operazione è conveniente».

«Bisogna esplicitare – è il parere di Massimo Trespidi (Liberi) - che quest’area rimane verde e che nessuno ci può fare sopra alcunché. Lo si dica con chiarezza, perché veniamo da un andamento tribolato delle trattative con i due fratelli». Lo stesso Trespidi con Roberto Colla (Piacenza Oltre) ha chiesto di precisare che nell’operazione e nel Pug l’area rimanga a verde per i prossimi dieci anni: il loro emendamento è stato però respinto dall'aula. L’assessore all’urbanistica Erika Opizzi ha ricordato più volte che la «garanzia che rimanga a verde è scritta ovunque, in ogni documento». «Il problema – ha incalzato ancora Trespidi - è che non sappiamo cosa ci sia scritto nel prossimo Prg». «Non c’è rischio – ha provato a rassicurare il sindaco Barbieri -, il vincolo c’è e nel caso in questo Consiglio comunale si deve tornare per parlarne. E noi saremo qui». «Se c’è scritto nell’atto – ha preso le difese del sindaco e dell’assessore anche Gianpaolo Ultori (Liberali Piacentini) - che la destinazione è verde…mi sembra che qualcuno voglia destare dei sospetti. L’occasione di arrivare al termine della vicenda non si può perdere». Anche il resto del centrodestra non ci sta a sentirsi puntare il dito sulla questione. Però la proposta – che è ugualmente passata in aula - ha ottenuto soltanto 17 voti. Nel centrodestra in diversi hanno fatto mancare il proprio appoggio, come i consiglieri Nelio Pavesi e Pietro Pisani (Lega), Antonio Levoni (Liberali) o Michele Giardino e Mauro Saccardi del Gruppo Misto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento