menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Sul futuro della Pertite non siamo stati informati»

Anche tre consiglieri del Pd criticano la delibera sulla Pertite e chiedono una modifica, appoggiando le richieste del Comitato. Oltre a loro 5 Stelle e Sinistra per Piacenza

Sette consiglieri comunali -  Quagliaroli, Gabbiani e Tarquini del Movimento 5 Stelle, Tagliaferri, Bisagni e Rossi del Pd, Pallavicini di Sinistra per Piacenza - su proposta del Comitato “Amici della Pertite-Bosco in città”, hanno presentato al presidente del Consiglio Comunale Christian Fiazza una proposta di delibera il cui scopo è quello di modificare la tavola del Rue approvato l’11 dicembre 2015, cambiando la classificazione urbanistica della Pertite da verde attrezzato (impianti sportivi) a verde pubblico (parchi). Il gruppo di consiglieri - tra cui ben tre esponenti della maggioranza - appoggia la protesta del Comitato, che ha accusato la Giunta di poca chiarezza sul futuro della Pertite. Il Comitato e Legambiente intendono bloccare sul nascere possibili progetti di costruzione di impianti sportivi. 

«La destinazione a Parco – spiega il comitato stesso - è stata chiesta da decine di migliaia di cittadini, è stata inserita nelle linee di mandato 2012-2017 di questa Amministrazione, è un impegno assunto dal Sindaco Dosi e sempre confermato dall'Assessore Bisotti in tutte le sue dichiarazioni pubbliche e negli incontri con il Comitato Pertite fino all'ultimo. Vogliamo ricordare che, mentre la proposta di destinare a parco la Pertite ha avuto un percorso di anni ed è sempre stata resa pubblica ogni sua fase, quella di far diventare l'area sede di impianti sportivi è stata presa all'improvviso e senza alcuna discussione nè pubblica informazione. In ogni caso il Comitato non demorde e a partire da sabato 28 gennaio sarà presente a Piacenza per un volantinaggio di informazione e sensibilizzazione della cittadinanza a partire dalle 10,30 in Via XX Settembre di fianco a S. Francesco».

La delibera chiede perciò una modifica al Rue. I consiglieri comunali si lamentano: «Non siamo stati adeguatamente informati – si legge nella pratica depositata in Comune - sull’oggetto della decisione. Inoltre non risulta dal quadro conoscitivo del PSC vigente, né da alcun documento di pianificazione, che la città abbia necessità di un nuovo centro polisportivo, o addirittura di un nuovo ospedale (ipotesi recentemente avvalorata da molte autorità cittadine), né tanto meno che queste attrezzature debbano essere ubicate nell’area Pertite».

La pratica arriverà in commissione e poi in consiglio solo dopo il parere tecnico del Comune. Gli uffici avranno a disposizione da 60 a 120 giorni per emettere il loro parere. Bisogna inoltre tenere conto che 45 giorni prima del voto delle Comunali il consiglio non potrà essere più convocato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Nuovo Decreto, oggi verrà definito il colore dell'Emilia-Romagna

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    Covid-19: nel Piacentino 77 nuovi casi e sette decessi

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento