Tagliaferri (Fd'I): «Troppe frane, prevedere più soldi per la tutela del suolo»

Il consigliere chiede alla giunta anche che siano individuati incentivi per gli agricoltori e le aziende agricole che si impegnano nella tutela del suolo

Tutelare il territorio, considerare nuovi incentivi per gli agricoltori e soprattutto valutare se non siano insufficienti gli 8,7 milioni stanziati nel prossimo bilancio regionale per la manutenzione ordinaria e straordinaria delle reti idriche. A sollevare la questione è il consigliere regionale di Fratelli d'Italia Giancarlo Tagliaferri.

«Secondo dati del servizio geologico regionale - spiega il consigliere  - in Emilia Romagna ci sono più di 38mila frane attive, per una superficie di quasi 70mila ettari, e più di 32mila frane quiescenti, che coprono 181mila ettari». In pratica «l'11,3 per cento del territorio regionale è soggetta a frane, percentuale che aumenta se si considera che la provincia di Ferrara e tutto il territorio a nord della via Emilia sono esenti da movimenti franosi».

Dunque, Tagliaferri interroga la giunta per sapere «se non si valutino insufficienti gli 8,7 milioni stanziati nel prossimo bilancio regionale per manutenzione ordinaria e straordinaria delle reti idriche, se non si vogliano considerare nuove strategie per incentivare la coltivazione della terra nelle zone abbandonate dall'agricoltura, e oggi a maggiore rischio idrico e franoso, e, infine, se non si vogliano individuare ulteriori incentivi per gli agricoltori e le aziende agricole che si impegnino nella tutela del suolo»

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento