Politica

Tagliaferri (Fd'I) interroga la Regione sui continui ritardi dei treni per i pendolari

Il consigliere regionale: «I treni utilizzati principalmente da lavoratori pendolari, in particolare nella tratta Bologna - Milano, continuano a registrare costanti ritardi, motivo di continui disagi e disservizi per gli utenti, che si ripercuotono su eventuali coincidenze da prendere successivamente»

Giancarlo Tagliaferri

«I treni utilizzati principalmente da lavoratori pendolari, in particolare nella tratta Bologna - Milano, continuano a registrare costanti ritardi, motivo di continui disagi e disservizi per gli utenti. Per portare un esempio, nel medesimo giorno si sono registrati: 13 minuti di ritardo per il treno regionale 20408 – Piacenza/Mi Certosa Trenord, 15 minuti per il regionale Veloce 2272 – Parma/Mi Trenitalia, 21 minuti per il regionale Veloce 2290 – Bo/Mi, 23 minuti per il regionale Veloce 2274 – Bo/Mi, 34 minuti per il regionale 2292 – Parma/Mi, 12 minuti per il regionale 20414 – Piacenza/MI, 41 minuti per l’espresso Frecciabianca 8802 – Ancona/Mi. Tali ritardi, ovviamente, si ripercuotono su eventuali coincidenze da prendere successivamente», dice il consigliere regionale di Fratelli d’Italia, Giancarlo Tagliaferri. Inoltre, chiede alla giunta «un resoconto sulle penali in cui sono incorsi i gestori nello scorso anno per il mancato rispetto dei contratti in essere, a quanto ammontino, e come siano eventualmente state impiegate tali somme. Inoltre se la regione non voglia impegnarsi, con sufficiente determinazione, al fine di imporre ai gestori il pieno rispetto dei contratti, tutelando finalmente gli utenti emiliano romagnoli».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagliaferri (Fd'I) interroga la Regione sui continui ritardi dei treni per i pendolari

IlPiacenza è in caricamento