Tagliaferri (Fdi): «Regione in ritardo sulla scuola, serve chiaro piano su rientro e trasporti»

Numerose le domande che il consigliere regionale Giancarlo Tagliaferri rivolge alla Regione sul delicato tema della riapertura delle scuole

«La Regione Emilia-Romagna come intende affrontare la riapertura delle scuole?  Perché ci si è ridotti all’ultimo a convocare riunioni e incontri sul tema scuola? Perché la Regione, pronta a rivendicare la propria autonomia per quel che ha riguardato – con i danni che abbiamo visto - la riapertura di discoteche e stadi non è stata altrettanto solerte per le scuole?». Sono alcune delle tante domande che il consigliere regionale Giancarlo Tagliaferri rivolge alla Regione sul delicato tema della riapertura delle scuole.

«Un milione di studenti, già dalla prima azione della giornata scolastica troveranno un blocco e un'impedimento non da poco, in quanto i mezzi di trasporto pubblico non sono adeguati all'ondata di studenti che si muoverà nelle città italiane dal 14 settembre: evidentemente l'operato della ministra Azzolina e della Giunta regionale non può bastare a permettere un rientro da parte di studenti e studentesse sicuro all'interno delle aule scolastiche», attacca Tagliaferri, che sottolinea errori e ritardi della Regione e del Governo: «Evidentemente l'operato della ministra Azzolina e della Giunta regionale non può bastare a permettere un rientro da parte di studenti e studentesse sicuro all'interno delle aule scolastiche».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da qui l’atto ispettivo per sapere dalla Giunta regionale «se intenda finalmente diramare, attraverso linee guida adeguate, un programma di rientro a scuola degli studenti e le studentesse emiliano romagnoli per recarsi a scuola in piena sicurezza e in che modo intenda sopperire all’inadeguatezza delle condizioni dei trasporti come quelle dei nostri istituti che sono inaccettabili e che il lockdown ha solo messo in evidenza l'inesistenza di un piano complessivo per garantire il diritto allo studio».

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Piacenza usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Un 28enne di Cadeo la vittima del tragico incidente a San Giorgio. E' caccia al furgone bianco

  • Si è costituito il conducente che ha travolto e ucciso Andrea Ziotti

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Centri commerciali chiusi nel fine settimana

  • Esce illeso dall'auto in fiamme ma vede in cenere la sua Dallara da 200mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento