rotate-mobile
Mercoledì, 1 Dicembre 2021
Politica

Tagliaferri: «Pericolosa la rimodulazione degli orari scolastici senza coordinamento»

Il consigliere piacentino chiede un maggiore coordinamento, oltre a modalità di reazione maggiormente personalizzate, per le rimodulazioni all’orario scolastico

Giancarlo Tagliaferri (Fratelli d’Italia) mette in guardia la Giunta regionale sulle rimodulazioni generalizzate degli orari scolastici decise senza un coordinamento fra tutti i servizi che vengono impattati dall’attività scolastica.

Il consigliere regionale, nell’interrogazione che rivolge alla Giunta, fa notare come «in molte località di provincia i ragazzi per andare a scuola prenderebbero gli stessi pullman che utilizzano per entrare a scuola nei turni attuali, in genere le 8 e le 8:40. Oltre a ciò, non ci sono autobus per tornare a casa in alcune fasce orarie pomeridiane – tra le 14.30 e le 16 – né sembra che le aziende del trasporto locale riescano a prevederne di nuove; insomma cambiare orari di ingresso a scuola significa, per molte realtà, lasciare in giro giovani e giovanissimi per qualche ora, con il rischio ben maggiore di assembramenti incontrollati rispetto a quanto avviene in classe».

L’esponente di Fratelli d’Italia, infine, rileva come la circolare del ministero dell’Istruzione che prevede lo spostamento degli orari, chiarisca che «la scelta di un plesso scolastico di rimodulare l’orario può essere effettuata solo se sussistono situazioni di grave criticità e dopo il confronto con i tavoli provinciali e regionali».

Stante la situazione che si potrebbe creare nell’immediato futuro, Tagliaferri chiede alla Giunta se sia stata definita una modalità di reazione all’emergenza modulata sulle varie situazioni particolari dei vari istituti e se intenda definire, in accordo con i vari amministratori, soluzioni specifiche e integrate per ogni territorio.

In via generale, infine, il consigliere chiede se la Regione sia dell’avviso «che occorra un livello di coordinamento maggiore anche su altri temi: dai lavoratori fragili alle nuove norme sullo smart working da applicare alla scuola e sostenere la necessità di anticipare la convocazione del Tavolo per la sicurezza fissato per il 30 ottobre».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tagliaferri: «Pericolosa la rimodulazione degli orari scolastici senza coordinamento»

IlPiacenza è in caricamento