Manovra, addio anche a nove Comuni del Piacentino

Potrebbero saltare anche i Comuni sotto i mille abitanti: Piacenza ne ha nove, da Besenzone alla piccolissima Zerba. E per la provincia spunta l'idea - "Il Piacenza" ne parlò diversi mesi fa - "Lunezia"

Un'inaugurazione a Zerba: gli amministratori non saranno più "iperlocali"

Non c'è solo la Provincia di Piacenza che rischia di saltare secondo i dettami della manovra del governo in approvazione a Roma. Anche i Comuni sotto i mille abitanti potrebbero essere accorpati con centri più grandi: questo, ovviamente, comporterà, in tutt'Italia, la cancellazione di migliaia di "poltrone" politiche di amministratori di paesini piccolissimi.

Nel Piacentino i Comuni che, eventualmente, sarebbero colpiti dal provvedimento sono nove: Besenzone (989 abitanti), San Pietro in Cerro (932), Pecorara (813), Corte Brugnatella (688), Piozzano (646), Ottone (601), Caminata (283), Cerignale (170) e, infine, la piccolissima Zerba, con appena 94 abitanti. Le loro amministrazioni scomparirebbero: giunta e sindaci sarebbero quelli di altri centri più grandi. In quest'elenco si "salva" per pochissimo Coli, con una popolazione stimata sui mille abitanti esatti.

Su diversi media, poi, è apparsa la notizia di una possibile nascita della Lunezia, ovvero una mini-regione - o maxi-provincia - cerniera tra La Spezia e Mantova, con un'ampia porzione di Appennino piacentino e parmense. Una sorta di ponte tra Pianura Padana e Mar Tirreno, senza la necessità di avere un vero e proprio capoluogo (il Piacenza se ne occupò già nel giugno dello scorso anno). Ovvio, le difficoltà sarebbero tante, a partire dalla modifica della Costituzione. Ma, in qualche modo, accorperebbe province sotto i 300mila abitanti secondo le indicazioni della manovra.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per tanti, inoltre, non sarebbe altro che un tentativo di Parma di riappropriarsi di una grandeur (il Ducato) appannata da Bologna. Non a caso, infatti, i sodalizi e le spinte maggiori che vengono per la nascita della Lunezia sono parmensi. Sarebbe utopica la "non esistenza" di un capoluogo. Staremo a vedere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

  • Ha una relazione con l'allieva, lei lo perseguita e lui la denuncia per stalking

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento