Tangenziale San Polo-Carpaneto, Bergonzi interroga Delrio

La "tangenziale" tra San Polo e Carpaneto resta la grande incompiuta del territorio piacentino. Per questo l'onorevole Marco Bergonzi (Pd), nel corso di un question time in commissione ambiente-territorio-lavori pubblici, ha chiesto al ministro delle infrastrutture, Graziano Delrio, di fornire al più presto il cronoprogramma dei lavori

Marco Bergonzi

La "tangenziale" tra San Polo e Carpaneto resta la grande incompiuta del territorio piacentino. Per questo l'onorevole Marco Bergonzi (Pd), nel corso di un question time in commissione ambiente-territorio-lavori pubblici, ha chiesto al ministro delle infrastrutture, Graziano Delrio, di fornire al più presto il cronoprogramma dei lavori che riguardano l'opera, dalla riapertura dei cantieri fino all'ultimazione dell’intervento. “Ho presentato un’interrogazione a risposta immediata - spiega Bergonzi - per sapere quando potrà essere finalmente consegnata ai piacentini l'importante infrastruttura, fondamentale anche per il futuro dell’aeroporto di San Damiano dopo le note decisioni che hanno riguardato la  base dell’aeronautica militare". La variante della S.P. n°6 di Carpaneto rientrava tra gli impegni finalizzati al miglioramento della viabilità di adduzione al nodo autostradale di Piacenza che erano stati assunti da Società Autostrade Centro Padane S.p.a., la quale aveva garantito tali interventi anche nella convenzione di rinnovo della concessione relativa all'esercizio dell'autostrada A21.  Alla scadenza della concessione, il 30 settembre 2011, con l'infrastruttura realizzata per oltre il 30% i lavori si erano però del tutto bloccati: il bando di gara precisava infatti che proprio a partire da tale data gli investimenti necessari per il completamento delle opere sarebbero stati "a carico del Concessionario subentrante". Da allora non si sono più avute notizie in merito alla ripresa dei lavori. Da quasi due anni Satap S.p.A. si è aggiudicata la gara per subentrare al precedente concessionario, ma solamente alcuni giorni fa è stata firmata la convenzione (della durata di 25 anni) per la concessione autostradale del tratto Piacenza-Cremona-Brescia.  Ecco allora che l'onorevole Bergonzi torna alla carica su una questione della quale si é giá interessato più volte. "Il territorio piacentino - conclude il parlamentare - non può più permettersi ulteriori differimenti nella realizzazione di un'infrastruttura attesa da oltre quindici anni. Si è accumulato un ritardo che ha comportato un grave ammaloramento delle opere già realizzate, con un evidente ed inaccettabile spreco di risorse. E' necessario fornire puntuali risposte ai cittadini ed agli enti locali interessati; ancor di più è necessario che il cantiere riapra al più presto”.

Riforma processo penale, Bergonzi (Pd): “Risposta seria alle esigenze delle persone”
 

“Ho votato con grande convinzione - dichiara l’onorevole Marco Bergonzi (Pd) - la legge che modifica il codice penale e il codice di procedura penale, perchè inasprisce le pene per reati come le rapine e i furti in abitazione, rende meno facili le scarcerazioni, assicura la certezza della pena e allunga i tempi di prescrizione per tanti reati di allarme sociale”. 
Tra le più importanti misure introdotte dalla legge, approvata alla Camera dei deputati in via definitiva, si segnala l’aumento delle pene per i reati contro il patrimonio: sale ad esempio da un anno a tre anni la pena minima per il furto in abitazione e con strappo. Analoga scelta per il furto aggravato e la rapina, per i quali la pena massima resta di dieci anni: la minima sale da tre a quattro anni. Sarà più difficile ottenere la condizionale o condanne lievi anche in caso di riti alternativi.  “C’è la soddisfazione - rileva Bergonzi - di aver approvato un provvedimento all'altezza delle aspettative e delle esigenze delle persone. Per essere tale la giustizia deve essere efficiente e, soprattutto, vicina ai cittadini”. Il deputato piacentino del Pd attacca infine Movimento 5 Stelle, Forza Italia e Lega Nord, che hanno votato contro le modifiche al codice penale, al codice di procedura penale e all’ordinamento penitenziario: “Le nuove norme - rimarca Bergonzi - sono una risposta seria ed un impegno mantenuto, e sono senz'altro più utili ai cittadini dell'insignificante atteggiamento di chi è solo capace di urlare proclami, ma alla prova dei fatti puntualmente si rivela contraddittorio, incapace e deludente. Chi si è schierato contro questo provvedimento, di fatto, prende in giro gli elettori perché senza queste modifiche sarebbe rimasto tutto esattamente com’era prima”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento