Tassa sulle prostitute, Rancan: «Il Pd dice di no e butta dalla finestra 48 milioni di euro all'anno»

Matteo Rancan, consigliere regionale della Lega Nord non le manda a dire al Pd e alla maggioranza che guida la Regione dopo che in Commissione 1 è stato bocciato il Progetto Di Legge sulle "Norme in materia di tassa regionale della Prostituzione"

Matteo Rancan

"Avremmo potuto essere la regione capofila nella lotta allo sfruttamento della prostituzione e in quella al degrado. Invece, ancora una volta, siamo relegati alle seconde se non addirittura alle terze file".

Matteo Rancan, consigliere regionale della Lega Nord non le manda a dire al Pd e alla maggioranza che guida la Regione dopo che in Commissione 1 è stato bocciato il Progetto Di Legge sulle ‘Norme in materia di tassa regionale della Prostituzione’. 

“Avevamo chiesto  - attacca Rancan -  l’istituzione di un apposito registro regionale per le prostitute che, contestualmente alla loro registrazione, avrebbero ricevuto l'assistenza sanitaria e i trattamenti previdenziali del caso. Ma, come tutti i lavoratori, anche loro avrebbero dovuto versare all’erario un’aliquota indicata nel 27% per redditi fino a 28.000 euro l'anno e nel 40% per proventi superiori”.

"Una riforma - attacca Rancan  - che sarebbe andata a inserirsi in un vuoto legislativo nazionale e che puntava a normare il fenomeno ottenendo nel contempo anche risorse importanti per la Regione. Purtroppo, però, l’apertura che ci aspettavamo da parte della maggioranza non c’è stata. E ancora una volta la sinistra ha detto no a un provvedimento di assoluto buonsenso solo perché proveniva dalla Lega Nord. Che dire? Assurdo, allucinante, vergognoso! Anche perché l’incasso per la regione a fronte della ‘regolarizzazione’ di queste persone era stimato in circa 48 milioni di euro l’anno. Soldi che il Pd ha gettato dalla finestra lasciando nello stato di abbandono e di degrado anche le prostitute molto spesso costrette a vendersi da sfruttatori. Al contrario, questa regolamentazione, avrebbe finalmente messo la parola fine allo sfruttamento e alla tratta di tante donne".

"Complimenti ancora una volta al Pd e alla maggioranza che governa la regione. Anche questa volta – conclude – sono riusciti a fare gli interessi di altri, ma non certo degli emiliano-romagnoli".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento