Test sierologici ai lavoratori nelle aziende per ricominciare

Tavolo di lavoro provinciale, insieme si progetta una ripartenza in sicurezza. Riuniti in videoconferenza i firmatari locali del patto per il lavoro

I partecipanti al tavolo

“La sicurezza rimane una priorità da cui non si può prescindere. Occorre costruire la nuova fase attraverso la condivisione di Protocolli operativi, perché la ripresa deve essere assolutamente regolamentata per evitare rischi di ricomparsa di altri focolai nel prossimo autunno”, così Patrizia Barbieri nel duplice ruolo di Sindaco di Piacenza e Presidente della Provincia, in apertura all'incontro del Tavolo sul lavoro, promosso in ogni provincia dalla Regione, per raccogliere indicazioni da sottoporre al Governo, in vista dell'avvio della "fase 2" dell'emergenza Covid-19.

La Provincia di Piacenza ha riunito oggi, martedì 21 aprile, in videoconferenza i firmatari locali del “Patto per il Lavoro” oltreché la Camera di Commercio e l'Ausl di Piacenza per un primo confronto sulla ripresa graduale e in sicurezza delle attività economiche in tutti i settori. E' questo il filo conduttore degli interventi del tavolo dei rappresentanti delle associazioni di categoria e dei sindacati. “Ritengo che il confronto e la condivisione, già sperimentati e apprezzati con il “Patto per il Lavoro” - commenta Patrizia Barbieri – siano strumenti fondamentali per progettare la ripartenza, che ormai è alle porte grazie agli sforzi messi in campo da tutti e per la gestione dei mesi a venire, una volta superata la fase emergenziale.”

Generale è stata la richiesta di recepire protocolli regionali per categoria, così da uniformare i comportamenti e le attività, così come generale la richiesta di norme snelle e di facile interpretazione. Anche in questa sede, come sul tavolo di confronto attivato dal Presidente Barbieri con tutti i politici del nostro territorio, due i temi che sono stati largamente condivisi: interventi economici mirati per il nostro territorio, così duramente colpito dall'emergenza sanitaria, capaci di sostenere la ripartenza e linee guida rapide e precise, sia a livello governativo che regionale, per permettere una programmazione locale efficace della ripresa delle attività.

Le altre tematiche fortemente sostenute all'interno del tavolo di questa mattina hanno riguardato:

  • l'allineamento di Piacenza al resto della Regione Emilia-Romagna, anche per evitare di 'perdere importanti porzioni di mercato e commesse importanti per le nostre aziende” - ha specificato Claudio Bassanetti di Confindustria;
  • la necessità di avere la definizione rapida di un protocollo per i test sierologici nelle aziende, come sottolineato da Cristian Camisa di Confapi Industria;
  • la proposta, partita sia dal mondo imprenditoriale che da quello sindacale, della creazione di tavoli settoriali, snelli e rapidi, che possano meglio analizzare le criticità dei diversi comparti;
  • l'attivazione di comitati aziendali paritetici, sottolineata da tutte le parti sindacali, e l’attivazione di adeguati strumenti di vigilanza e controllo.

Fondamentale, inoltre, ripensare in modo innovativo i servizi sociali di supporto alle attività produttive (custodia figli), anche in considerazione che “i lavoratori, in molti casi, hanno già esaurito tutte le ferie e i congedi e nel periodo estivo emergerà in maniera ancora più forte il problema della gestione dei bambini a casa, nel momento del rientro al lavoro dei genitori”, come sottolineato a questo proposito da Marina Molinari (segretaria Cisl) e sostenuto da tutte la parti sindacali. Affrontata anche la tematica dei servizi collaterali legati al  trasporto pubblico. Forte la preoccupazione su come verrà organizzata la mobilità dei lavoratori su bus e treni. Vigilanza e controllo insieme a regole chiare e condivise in linea con regione, sono le esigenze segnalate trasversalmente da tutti i partecipanti. Anche Gianluca Zilocchi (Cgil) ha sottolineato la necessità che vengano creati gruppi di lavoro snelli riguardanti specifici comparti e la necessità di prestare attenzione anche al settore dei servizi. Pino De Rosa (Ugl) ha in particolare raccomandato la necessità che l'apertura delle diverse attività sia attenta e controllata. Francesco Bighi (Uil) ha invece posto l'attenzione sul fatto che ogni attività può essere legata a più comparti e che quindi occorre prestare molta attenzione a questo aspetto nella stesura dei protocolli.

Le associazioni datoriali auspicano, in modo unanime, la possibilità di apertura per tutte le realtà che possono garantire pienamente i criteri ed i protocolli di sicurezza sanitaria per lavoratori, clienti e fornitori, anche in considerazione della maggior consapevolezza acquisita e del possibile reperimento dei dispositivi di protezione da parte di tutte le aziende, grandi e piccole, che devono avere la stessa facilità di acquisizione di questi strumenti.

Giovanni Rivaroli di CNA ha posto il tema della ripartenza dei cantieri pubblici, che possono rappresentare un elemento per ridare ossigeno all'economia, come hanno confermato diversi rappresentanti delle associazioni di categoria, che hanno ribadito come “i provvedimenti del Governo e gli accordi nazionali approvati anche dai sindacati rimarranno il punto di riferimento evitando disomogeneità tra le regioni”.

Confindustria e Confapi concordano che le filiere di meccanica, packaging e comparto alimentare, tra quelle che «sono in grado di garantire una riapertura graduale in sicurezza, attraverso una riorganizzazione dei turni, lo smartworking, il potenziamento di tutti i dispositivi necessari», sottolineando che “i nostri lavoratori spingono per rientrare”. Per ripartire in sicurezza è necessario imparare a convivere con una nuova normalità anche nel comparto dell'agricoltura – commenta Marco Crotti, che sottolinea la richiesta da parte di Coldiretti dell'introduzione dei voucher per i lavori stagionali.

“Grazie alla riorganizzazione che le imprese e le aziende del nostro territorio sapranno mettere in atto, ad adeguati protocolli diversificati per settore, alla disponibilità di tutti i dispositivi di sicurezza necessari, sarà  possibile coniugare le precauzioni anticontagio con una graduale ripresa che il nostro sistema saprà affrontare nel migliore dei modi, ma servono regole e indicazioni omogenee, forti e chiare a livello centrale. Fondamentale inoltre la riprogettazione dei servizi socioeducativi per sostenere le famiglie e il lavoro femminile”, la conclusione unanime del tavolo.

“Ribadisco – conclude Patrizia Barbieri – la necessità di proteggere il territorio, tutelare i posti di lavoro, difendere le attività familiari e garantire che le imprese possano ripartire in sicurezza: questo l'obiettivo comune per cui servono unità e coesione per una strategia unitaria, fermo restando che il nostro lavoro dovrà fare necessariamente riferimento al modello organizzativo che sarà indicato a livello regionale”. In accordo con i partecipanti, il tavolo è stato riconvocato all'inizio della settimana prossima, conseguentemente alla cabina di regia governativa che si terrà giovedì 23 aprile e alle conseguenti informazioni che ne deriveranno a livello nazionale e regionale.

Oltre al presidente Patrizia Barbieri erano presenti in video conferenza:  Vittorio Silva, Daniel Negri, Nicoletta Corvi, Fabrizio Ramacci, Giovanni Rivaroli ed Enrica Gambazza,  Maurizio Maserati, Alberto Malvicini, Nicolò Maserati e Fausto Arzani, Marina Bottazzi, Marco Crotti, Marco Casagrande, Claudio  Bassanetti e Giuseppe Cella, Cristian Camisa e Andrea Paparo, Alessandra Tencati, Maurizio Croci, Emanuele Emani, Alfredo Parietti e Alessandro Saguatti, Pino De Rosa, Marina Molinari, Gianluca Zilocchi, Francesco Bighi, Attilio Ubaldi, Franco Boeri, Giuseppe Sergi, Annamaria Melissari, Paola Garilli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

  • «Ho ucciso Leonardo, ma l’ho fatto per difendermi. Chiedo scusa alla famiglia»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento