menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terrepadane, Foti sul progetto di fusione: «Mi auguro ci sia trasparenza nel comunicare»

L’intervento del deputato di Fratelli d’Italia che chiede certezze sul futuro della realtà economica

?«La ventilata fusione del Consorzio Terre Padane – interviene nel dibattito il deputato di Fratelli d’Italia Tommaso Foti - con altri, al momento ignoti, confratelli, senza che chi scrive intenda interferire in decisioni che coinvolgono i predetti, avrebbe meritato una comunicazione diversa e un coinvolgimento, che non c’è stato, almeno ufficialmente, delle istituzioni, a partire dalla Provincia e dal Comune di Piacenza. E ciò, se non altro, per i legami storici che legano questi ultimi al consorzio agrario e, non da ultimo, per essere gli stessi destinatari di un impattante Tommaso Foti-25progetto di riqualificazione dell’area di via Colombo che si trascina da alcuni anni». «Pare evidente – aggiunge Foti - che, anche in relazione alla difficile situazione in cui versa il nostro territorio, mettere in evidenza che cosa riservi l’ipotizzata fusione per il futuro - dal possibile impatto occupazionale al mantenimento o meno un centro direzionale - servirebbe in primo luogo a fornire adeguati elementi di conoscenza, oltre a qualche certezza in più, tanto a coloro che prestano la propria attività per Terre Padane quanto a ai soci agricoltori. Mi auguro - essendo stato investito in questi giorni da più soggetti della questione, in ragione del mio ruolo parlamentare - che sia i soggetti istituzionali prima indicati sia i dipendenti e i soci di Terre Padane siano adeguatamente informati dagli amministratori del Consorzio delle reali loro intenzioni rispetto a quelle che non paiono più essere voci, ma che risulterebbero profilarsi come scelte imminenti».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento