Torre: "Riportiamo la Formula 1 a Piacenza"

"Tra i progetti visionari - informa in una nota il candidato sindaco Stefano Torre - e lungimiranti c’è il Gran Premio di Formula Uno di Piacenza". Torre ne parla come di una cosa già fatta: “La Ferrari ha esordito sul circuito di Piacenza, e ciò ci mette in pole position!” Il Gran Premio sarà il più spettacolare, emozionante ed avvincente del mondo! Avrà un tratto a doppio senso, nel quale i bolidi potrebbero scontrarsi frontalmente. Per questo sarà il Gran Premio più pericoloso del mondo. Tutto ciò renderà il Gran Premio di Piacenza popolarissimo, con centinaia di milioni di fan in tutto il mondo! Le dirette televisive faranno record di ascolti mai visti! E gli incidenti paurosi, che certamente ci saranno, terranno incollati agli schermi milioni e milioni di telespettatori morbosamente coinvolti! Vi immaginate la quantità di denaro che entrerà nelle casse comunali? E poi ci sarà anche un casinò a fare da corollario al Gran Premio. Lo realizzeremo nell’area dell’ospedale militare dove faremo lavorare i più famosi architetti del mondo per edificalo in modo grandioso! Piacenza diventerà come Monte Carlo. L’unica differenza sarà che la premiazione del vincitore non vedrà il Principe come protagonista, ma il Sindaco, Torre Sindaco, io! Inoltre faremo in modo di mettere la Tour Eifell (che come noto io ho vinto in una partita a poker con l’ex presidente francese Hollande) in una posizione strategica, facendo si che il Gran Premio passi proprio sotto di essa amplificando ancor più la spettacolarità della gara. Dio Benedica Piacenza!". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento