Travo, Marsaglia, Gazzola, Pontedellolio: quasi due milioni dalla Regione

Oltre alle fornaci Cementirossi di Pontedellolio, in arrivo risorse anche per il castello Anguissola di Travo, per il Municipio di Gazzola, e per il centro polivalente di Cortebrugnatella

le fornaci di Pontedellolio

Tra i 19 progetti vincitori di un bando del Programma regionale di sviluppo rurale 2014-2020 rivolto a Comuni, Unioni di Comuni e altri enti pubblici, 4 sono relativi a progetti piacentini: Cortebrugnatella, Gazzola, Ponte dell’Olio, Travo. Si tratta di oltre 8,5 milioni di euro per il finanziamento di interventi di recupero di immobili per rafforzare la dotazione di servizi pubblici nelle zone svantaggiate di montagna e collina a rischio di spopolamento e, più in generale, migliorare l’attrattività delle aree rurali in ritardo di sviluppo. Di questi  1.851.000 andranno al territorio piacentino. Nello specifico Cortebrugnatella potrà contare su 434.375 euro per il suo Centro polivalente destinato ad attività sportiva, ricreativa culturale, protezione civile e accoglienza turisti che troverà allocazione nell’ ex Asilo Santa Rita a Marsaglia.

Gazzola con 416.647 euro potrà procedere al consolidamento del Palazzo Comunale sede del Municipio, edificio storico vincolato.  Vi verranno anche riconosciute nuove destinazioni di uso:  un centro di aggregazione, una biblioteca completa di mediateca e sala lettura con relativi servizi igienici; al piano primo nel grande salone centrale si darà vita ad un centro polivalente per attività di promozione, servizi culturali e informazione storica sul territorio sia per il turista che per il cittadino, ed un area a servizio delle aree Natura 2000 del territorio.
Verrà anche allestito spazio espositivo per il museo di Annibale e della battaglia del Trebbiacon annesso spazio per ufficio ed archivio.

Ponte dell’Olio con un contributo di 500.000 euro vedrà rinascere in pieno centro storico le sue torri fornaci con opere di completamento relative alla ristrutturazione di immobili pertinenziali al complesso antiche fornaci “Cementificio Rossi”. Edificio 1 (Ex Stalla): l’intervento progettuale relativamente all’Edificio 1 è finalizzato ad ospitare esclusivamente funzioni miste per la comunità, culturali e turistiche, oltre ai relativi spazi accessori e di servizio; L’intervento progettuale è finalizzato anche al recupero-ristrutturazione, in un altro edificio, di due unità abitative destinate a famiglie o singoli in difficoltà economica da ospitare temporaneamente. Il primo piano, da adibire a eposito/archivio, sarà finito al rustico; Il fabbricato denominato “Edificio 3” rappresenta una porzione, posta al piano rialzato, del complesso delle già descritte Antiche Fornaci per la confezione della calce; ad eccezione della parte in oggetto il complesso rientra in altra ipotesi progettuale che, tra le altre funzioni, prevede il recupero quale Museo della Calce. Dal recupero troverà casa il Centro visite Aree Protette.

Travo potrà potenziare l’offerta di strutture per servizi pubblici con 500.000 euro da destinare al Castello di Anguissola. In particolare si prevede il potenziamento del museo archeologico; l’ attivazione di un centro accoglienza turisti; l’ attivazione di un ufficio promozione della rete natura 2000 e delle aree naturali presenti sul territorio comunale e nella valle del fiume Trebbia; il potenziamento della sede del circolo AUSER esistente attraverso l’ampliamento dei locali e la ristrutturazione dei servizi igienici; la realizzazione di una nuova sede del centro di aggregazione; spazi per le associazioni locali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento