Trespidi, Barbieri e Rizzi: ecco chi spicca per fiducia nel sondaggio. Ma la partita si gioca sul tema sicurezza

Il sondaggio dell'Istituto Ixè in collaborazione con "IlPiacenza" ha coinvolto mille persone. Il sindaco uscente Dosi chiude il mandato con una "fiducia" del 25%. Il 51% è favorevole a nuovi insediamenti nel campo della logistica, mentre il 57% è convinto sul nuovo ospedale. Tutti i risultati

Palazzo Mercanti

Quali sono i temi più sentiti dalla popolazione piacentina? Quali i candidati sindaco che meglio incarnano alcune priorità impellenti? Chi è il candidato sindaco più conosciuto e quello che gode di maggiore fiducia da parte dei cittadini? È stato diffuso nella giornata del 26 maggio il sondaggio dell’Istituto Ixè in collaborazione con “IlPiacenza” sulle Elezioni Comunali 2017. Il sondaggio, durato una settimana (dal 16 al 25 maggio per la precisione) ha coinvolto 998 persone. Il report dell’istituto sulla nostra città presenta il quadro seguente (consultabile nel dettaglio alla fine dell'articolo), che non prende in considerazione però il dato sulle indicazioni di voto per quanto riguarda la scelta del candidato sindaco alle Elezioni. "L'analisi - ricorda l'istituto - è stata condotta su un campione autoselezionato di lettori della testata. A posteriori i parametri demografici (genere ed età) e politici (comportamento di voto alle ultime Europee 2014) sono stati riallineati ai dati ufficiali mediante procedura di ponderazione. Nel corso dell'intervista si è inoltre rilevato l'orientamento di voto, che assieme alle attribuzione diretta delle caratteristiche programmatiche su diversi candidati ha consentito di realizzare la matrice di posizionamento delle candidature/aree politiche". 

PRIORITA’ DI PIACENZA

Potendo elencare fino a tre opzioni, i piacentini che hanno partecipato al sondaggio ritengono che il tema più importante nel presente e nel futuro della città sia la “sicurezza”, scelta dal 59%. Al secondo posto, con il 49%, lo sviluppo economico. Al terzo la tutela dell’ambiente e del verde con il 37%, poi “viabilità e trasporti” con il 31%. Più staccati ancora “cultura” e servizi sociali e sanitari con il 23%. Al 19% una “maggiore attenzione ai giovani”, al 18% una gestione più attenta alle finanze del Comune. Al 14% scuole, all’8% la cura degli anziani e al 2% l’emergenza abitativa.

QUALITA’ DELLA VITA

Secondo i lettori la qualità della vita a Piacenza, da una scala da 1 a 10, è di 5,95. Il dato è sotto la media nazionale (6,64%) che raccoglie i dati dell’Istituto Ixè riferiti alle altre città. La percezione della sicurezza è ferma al 5,34%.  Interessante il dato sulle condizioni economiche: il 6% dichiara di vivere nell’agiatezza, il 63% “senza particolare affanni” (che sommati fanno il 69%), mentre il 29% segnala invece di “pagarsi appena le spese” e il 2% “non ha abbastanza soldi nemmeno per l’indispensabile”.  Risulta così un quadro comunque più confortante rispetto alle altre città italiane sondate dall’Istituto.

LA FIDUCIA NEL SINDACO USCENTE DOSI

L’Amministrazione uscente viene valutata negativamente, con un voto medio di 4,14. Il sindaco uscente Paolo Dosi chiude il suo quinquennato con una fiducia del 25%, frutto della sommatoria tra il 6% che nutre in lui “molta fiducia” e il 19% che prova “abbastanza fiducia. Il 42% ne ha invece “poca” e il 33% “nessuna”. Se si va a guardare la fascia d’età, Dosi ha deluso soprattutto i giovani tra i 25 e i 34 anni, che nutrono fiducia in lui solo al 17%. Più convinti del mandato del sindaco (che ha deciso di non ricandidarsi) i 35-44enni con il 30% e i 45-54enni con il 31%. Gli over 65 – comunque meno avvezzi alla partecipazione a un sondaggio online – si sono fermati al 21% nei confronti del primo cittadino attuale.

LA NOTORIETA’ DEI CANDIDATI SINDACO

Massimo Trespidi è di poco il più conosciuto dai mille che hanno effettuato il sondaggio: la sua notorietà arriva al 95%, mentre Patrizia Barbieri tocca il 94%. Paolo Rizzi al 90%, Andrea Pugni all’87%, Luigi Rabuffi all’83%, Stefano Torre all’81% e Sandra Ponzini al 79%

LA FIDUCIA NEI CANDIDATI SINDACO

IL 42% dei mille lettori ripone fiducia in Massimo Trespidi, il 40% in Patrizia Barbieri, il 34% in Paolo Rizzi, il 27% in Luigi Rabuffi, il 19% in Andrea Pugni, il 16% in Sandra Ponzini e l’11% in Stefano Torre.

LOGISTICA, SI' O NO?

Molto chiara la questione della logistica. Il sondaggio chiedeva ai lettori di prendere una posizione sulla possibilità di nuovi insediamenti logistici nel territorio comunale. Il 51% si ritiene favorevole, il 32% contrario e il 17% non prende una posizione (“non saprei”). Importante anche il dato scomposto per elettorato di riferimento. L’elettorato di Rizzi è favorevole al 55%, per il 17% contrario e per il 28% non prende posizione. Quello di Barbieri è favorevole al 53%, contrario per il 27% e indeciso al 20%. Per i votanti di Trespidi è ok alla logistica dal 59%, mentre il 26% è contrario e il 15% è indeciso. Alla voce “altri” (5 Stelle, Rabuffi, Ponzini e Torre) la situazione si ribalta nettamente: contrario il 56% e favorevole il 37%. Tra gli astenuti c’è incertezza: il 46% è favorevole e il 47% è contrario.

NUOVO OSPEDALE

Il nuovo ospedale promesso dalla Regione è un’occasione da cogliere al volo? Il 57% lo pensa (il 26% è del “tutto d’accordo”, il 31 per cento è “abbastanza d’accordo”). Il 16% è “abbastanza in disaccordo” e il 22% è “del tutto in disaccordo”. Tra l’elettorato di Rizzi il 92% è favorevole: il 66% è d’accordo del tutto, il 26% abbastanza. Tra i votanti di Barbieri vogliono l’ospedale il 47% (13% del tutto d’accordo, 34% quelli abbastanza d’accordo). Sale invece tra i votanti di Trespidi: vuole il nuovo ospedale il 65% degli intervistati. Tra gli astenuti lo vorrebbe il 68% (il 53% è abbastanza d’accordo).

IL SONDAGGIO NEL DETTAGLIO

Schermata 2017-05-27 alle 10.06.19-2

Allegati

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento