Un maxi-capannone da 76mila metri a Roncaglia, ok dalla Giunta

Approvata la variante al progetto di "Piacenza Est" ai Dossi di Roncaglia, vicino all'A21. Legambiente: «Logistica, consumo di suolo ed inquinamento: non ci facciamo mancare niente». Dalla Giunta nessun commento alla delibera

Il progetto del capannone. Nella foto sotto, l'area attualmente

Un capannone da 76mila metri quadrati in arrivo nell’area produttiva di Roncaglia. È arrivato l’ok della Giunta Barbieri alla variante al progetto di un privato di realizzare ai Dossi di Roncaglia, tra la Caorsana e l’A21, il maxi insediamento. L'area in questione (complessivamente di 190mila metri quadrati e di proprietà della srl “Piacenza Est”) dovrebbe ospitare un nuovo operatore economico (attualmente sconosciuto) che affitterà lo spazio, probabilmente per dedicare il capannone alla logistica. Sul progetto non è stato possibile raccogliere alcun commento da parte della Giunta, che preferisce lasciar parlare la complessa delibera.

LE DIFFERENZE DELLA VARIANTE RISPETTO AL PROGETTO ORIGINARIO

La pratica arriva da molto lontano. Il progetto iniziale venne depositato oltre dieci anni fa dalla società "Mandelli" e, in seguito, abbandonato. "Piacenza Est" nel recente passato, verso la fine del mandato della Giunta Dosi, nel 2017, ha presentato una variante. Molte le differenze tra quello originario e quello licenziato nelle scorse ore dall’Amministrazione Barbieri. Il primo prevedeva infatti la suddivisione dell'area - che non è agricola, ma già classificata come "produttiva" - in una serie di lotti medio piccoli con relativa viabilità interna di distribuzione. Invece dei 49 lotti delimitati dal relativo reticolo viario, ora si prevede un unico macro lotto-edificio. La viabilità pubblica viene limitata alla via Calpurnia della quale si prevede la parziale modifica di tracciato, con ampliamento e dotazione di servizi a rete, inoltre le intersezioni tra la viabilità di comparto e la SS10 vengono ridotte ad una. Per quanto riguarda i parcheggi, nel piano antico erano collocati a sud lungo la strada statale inferiore, mentre per la variante sono previsti a nord e ad est.  Il verde pubblico nella proposta originale era collocato lungo la SS10 e lungo la strada comunale ai Dossi, mentre nella proposta di variante la maggior parte del verde pubblico è collocato ad est del piano fra il nuovo insediamento e l'abitato di Roncaglia, in maniera tale da fungere da barriera visiva e antirumore. Sono state inoltre create apposite zone protette per la sosta anche dei mezzi pesanti delimitate da alberature ed aiuole, al fine di evitare la sosta dei veicoli in strada. La conformazione del lotto di progetto consente di definire lungo la viabilità principale una fascia di aree pubbliche e private con attrezzature e verde di ambientazione. Il verde privato viene previsto in integrazione funzionale e percettiva del verde pubblico, lungo il perimetro dei lotti (il verde funge da filtro tra la campagna e l'area di trasformazione) ed in fregio alla viabilità interna.

area Mandelli 2-2

 

Potrebbe interessarti

  • Ricette piacentine: i pisarei e fasò

  • Perino e la curiosa storia della località "Due Bandiere"

  • Drink insoliti: che cos’è il bubble tea?

  • Piscine interrate: i costi e i tempi per averne una nel proprio giardino

I più letti della settimana

  • Gianpaolo Bertuzzi muore nel suo camper in fiamme

  • La Polizia Stradale fa un controllo sull’A21 Piacenza-Cremona e spunta David Hasselhoff

  • Invade la corsia opposta, si schianta contro due auto e rimane incastrato: è gravissimo

  • Prende a martellate la moglie, poi si accoltella al cuore: muore ex macellaio di Piacenza

  • Autopsia e test del Dna, indagini sulla morte di Gianpaolo Bertuzzi

  • Perde il controllo dell'auto e si ribalta nel campo, è gravissimo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento