Un percorso più snello per la realizzazione del nuovo ospedale

Prima seduta online per il Consiglio provinciale. Il ricordo di tre figure cruciali per l'ente scomparse di recente: Luigi Francesconi, Giovanni Malchiodi e Roberta Solari. Dal presidente Barbieri e dall’opposizione espressa la necessità di accelerare sulle opere

Prima seduta di Consiglio provinciale in streaming per l’ente di via Garibaldi. Nella mattinata del 27 aprile il presidente Patrizia Barbieri, ha fatto il punto della situazione con gli eletti.

IL RICORDO DI MALCHIODI E FRANCESCONI

In apertura di seduta il presidente Patrizia Barbieri, ancora una volta, ha voluto dedicare un pensiero a due persone che non ci sono più, grandi protagoniste nella vita recente di questa istituzione. «Il sindaco di Ferriere Giovanni Malchiodi – ha detto Barbieri - ci ha lasciato mentre si stava spendendo per il territorio. Si è sempre impegnato, ha partecipato attivamente anche in questa fase. Andremo a Ferriere a ricordarlo quando si potrà, per rendere omaggio a lui e stare accanto alla famiglia». Luigi Francesconi, farmacista originario di Borgonovo, è stato consigliere regionale e provinciale. «Lo ricordo combattivo e attento – ha aggiunto Barbieri - ai problemi del territorio. Ha portato avanti il suo mandato con determinazione. Malchiodi e Francesconi sono state due figure importanti, di riferimento per i nostri cittadini. Ho portato con loro un percorso amministrativo, rivolgo il pensiero a loro». «La perdita di Malchiodi – è la riflessione di Luca Quintavalla (primo cittadino di Castelvetro) - è stata un colpo forte per noi sindaci». «Abbiamo ricordato Malchiodi – ha aggiunto Patrizia Calza - anche a Gragnano, era un grande combattente per il suo territorio, lo ha dimostrato nella fase del dopo alluvione, si è battuto per ripristinare le strade di Ferriere. Ho conosciuto molto bene anche Francesconi, sapeva dialogare e aveva grande passione politica». Un altro decesso, questo non legato alla pandemia, ha scosso l’ente di via Garibaldi. L’ex vicepresidente Valentina Stragliati ha voluto ricordare anche la dipendente Roberta Solari, per tanti anni dipendente della Provincia. Tutti i colleghi del Consiglio provinciale si sono riconosciuti nell’omaggio agli scomparsi.

EMERGENZA, RISORSE ECONOMICHE E CANTIERI

L’emergenza Coronavirus ha rallentato la routine della Provincia, come al solito alle prese con la manutenzione delle strade, dei ponti e delle scuole del territorio. Ma lo stesso presidente della Regione Stefano Bonaccini ha detto che servirà un piano di investimenti sul territorio per rilanciare l'economia. «Piacenza è stata colpita in modo pesante dalla pandemia – è intervenuto ancora Quintavalla (Pd). Siamo combattendo una guerra tutti insieme, ma servono investimenti pubblici per Piacenza, per far ripartire l’economia. Serve un sostegno straordinario. Noi, come Provincia, dobbiamo essere pronti con progetti per far partire i nostri cantieri legati alle infrastrutture». «Dobbiamo concentrarci come territorio ai lavori pubblici, cantieristica e investimenti nella sanità. Le procedure delle opere pubbliche e degli appalti legati all’emergenza devono essere più veloci e snelle. Serve un aumento degli investimenti sulla medicina territoriale, per fornire più strumenti per i medici. Dovremo lavorare su questo e chiedere investimenti aggiuntivi sul nuovo ospedale, con una tecnologia aggiuntiva rispetto a quella già decisa».

«C’è assolutamente la necessità – ha rilevato Valentina Stragliati - di una attenzione particolare per Piacenza. La nostra città avrà sì un ospedale nuovo, ma tra molti anni. Sono rimasta delusa dalla conferenza stampa di Conte, che non ha minimamente citato il tema delle famiglie e dei bambini. Come territorio Piacentino abbiamo dimostrato di avere grande professionalità in ambito medico, mi riferisco alla sperimentazione di Castelsangiovanni del dottor Marco Stabile, all’equipe del prof. Luigi Cavanna, agli studi sull’eparina. Nonostante lo tzunami, la provincia ha dimostrato grande professionalità».

«Sono preoccupata – ha spiegato la neo vicepresidente Paola Galvani (Rottofreno) - non arrivano i soldi che i comuni si aspettano per fare gli interventi pubblici attesi da tempo. Inoltre il virus sta provocando enormi perdite alle casse dei nostri enti, dovremo impiegare i nostri avanzi di bilancio per questo. Ad oggi sono arrivate solo sospensioni e posticipi sulle tasse, non cancellazioni. Temo che molte famiglie non ce la possano fare a pagare le tasse».

«Ben 280mila piacentini – è stata la riflessione di Antonio Levoni (Piacenza) - si sono dimostrati responsabili nell’emergenza. Però visto un grande impegno individuale a livello politico, ma senza gioco di squadra. Abbiamo Pier Luigi Bersani e Paola De Micheli, deputati e senatori, si poteva fare di più tutti insieme. Ci vuole un gioco di squadra tra tutti».

BARBIERI: «VOGLIAMO ACCELERARE I TEMPI PER IL NUOVO OSPEDALE»

«Portiamo avanti – è intervenuta la stessa presidente Barbieri - con spirito di collaborazione le partite strategiche del territorio. Se la Regione ci dirà che Piacenza avrà bisogno di maggiori investimenti, sapremo farci trovare pronti. Serve infatti un piano straordinario di investimenti, bisogna mettere ordine sul piano per essere pronti. Ma questo ente è sempre stato unito, ha saputo mettere insieme la competenza tecnica degli uffici con la politica. Esprimeremo quanto sarà necessario sul territorio come infrastrutture». E ancora, sul nuovo ospedale: «Come Comune di Piacenza abbiamo già chiesto di contenere i tempi, avere più semplificazioni nel percorso burocratico verso la sua realizzazione. Il vicesindaco di Firenze all’Anci chiedeva infatti di rendere i sindaci dei commissari del territorio, per semplificare le procedure per questi interventi di grande interesse pubblico».

I CONTI DELL’ENTE

Durante la seduta online si è discusso – e approvato – il rendiconto del bilancio 2019. Il direttore generale Vittorio Silva ha illustrato la situazione dei conti dell’ente. «Qualche milione di euro in meno di entrate (si pensi al gettito delle assicurazioni auto) per le casse dell’ente ci saranno – ha detto Silva - e non abbiamo ancora certezze sulla possibilità di utilizzo dell’avanzo. Vedremo quanta parte dell’avanzo dovremo utilizzare per riequilibrare il bilancio. Ma registro un dato straordinario che ci fa onore: la Provincia ha un tempo di pagamento di 7 giorni, inferiore di 22 giorni ai tempi previsti dalla legge».  «Come evidenziato dai dati dei prospetti contabili e della relazione – ha spiegato Silva - i risultati della gestione possono certamente dirsi ampiamenti positivi. Il nostro si conferma un Ente saldamente in equilibrio nella gestione corrente e nello stesso tempo caratterizzato da una buona propensione all’investimento, pur con i vincoli conseguenti al fatto che le limitate risorse di cui disponiamo non ci consentono, come è noto, di far fronte a tutte le consistenti necessità del nostro territorio. E’ una difficoltà che condividiamo con l’intero sistema delle Province e, si può dire, con il sistema degli Enti Locali nel suo complesso. Anche se va detto che lo scorso anno la situazione per il nostro Ente, sotto il punto di vista delle risorse disponibili, ha registrato un deciso miglioramento. Le entrate di parte corrente si sono infatti incrementate in misura consistente, grazie al nuovo trasferimento (che sarà permanente) di 5 milioni di € per interventi a favore della sicurezza delle strade e delle scuole. Ciò ci ha permesso di incrementare principalmente la spesa per gli interventi manutentivi e può farci dire che la lunga fase di emergenza economico finanziaria apertasi nel 2014 si è finalmente conclusa. Anche se, come ricordato costatemene da UPI, le possibilità di investimento delle province sono ancora largamente inferiori alle esigenze. Se si pensa che il nostro Ente ha interventi rapidamente cantierabili per oltre 40 milioni di €, e lo stesso può dirsi per la complessità delle province italiane, si può comprendere come dalle Province, potrebbe venire non solo una risposta importante ai bisogni del territorio, ma anche un impulso significativo allo sviluppo dei sistemi economici locali». Gli impegni per investimenti sono stati pari a 13 milioni, con un incremento di oltre 4 milioni rispetto allo scorso esercizio. Di questi 8,5 milioni riguardano la viabilità e 4,3 la scuola. Il risultato di competenza di parte corrente, vale a dire l’avanzo di amministrazione generato dalla gestione dell’anno, è stato a pari a oltre 3,9 milioni di euro. L’avanzo complessivo a fine esercizio è pari ad oltre 21,4 milioni di euro. La parte non vincolata od accantonata dell’avanzo, utilizzabile quindi per finanziare investimenti o per fare fronte ad esigenze di parte corrente, è pari a 7,6 milioni, in crescita di 1,5 milioni rispetto al 2018.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Incidente a San Rocco, chiuso temporaneamente il ponte di Po

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento