Politica

Vaccino, Bonaccini risponde al richiamo di Draghi: «Il Governo mandi le dosi, sbagliato generalizzare»

«Mercoledì 24 abbiamo completato un piccolo record, quasi 20mila vaccinazioni. Potremmo farne molte di più, perché a noi non è mancata l'organizzazione ma le dosi»

«Il Governo pensi a fare arrivare le dosi e pretenda dalle Regioni che facciano le cose al meglio». Così il presidente dell'Emilia-Romagna e della conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini, dopo la “strigliata” del premier Mario Draghi alle Regioni. Per Bonaccini, intervistato a tutto campo giovedì su La7, i problemi vanno «risolti e riconosciuti», ma bisogna «evitare di generalizzare». Certo magistrati e avvocati vaccinati in Toscana «quello probabilmente è stato un errore», concede il governatore Pd.

«Il richiamo di Draghi a fare di tutto perché si faccia al meglio e più rapidamente possibile è un richiamo giusto, ma bisogna evitare di generalizzare. Se in qualche realtà c'è qualche difficoltà che può succedere, va risolta e il Governo ha ragione a risolverla». In ogni caso «non mi permetto di sindacare sulle singole regioni, nostro compito è condividere le scelte col Governo, poi ognuno risponderà di quello che fa».

D'altra parte Bonaccini sottolinea che secondo lui quello del Governo è l'approccio giusto sul fronte di ritardi nelle forniture di vaccini da parte delle multinazionali. «Draghi è stato esemplare da quando si è insediato, bisogna fare non solo la voce dura ma anche ottenere ciò che è dovuto». In Emilia-Romagna, sottolinea poi, «ieri abbiamo completato un piccolo record, quasi 20.000 vaccinazioni. Potremmo farne molte di più, perché a noi non è mancata l'organizzazione ma le dosi, un problema drammatico».

Ma sempre a proposito della collaborazione tra Regioni e Governo, non ogni forma di supporto da Roma è valida a prescindere. Ad esempio sulle prenotazioni: in Emilia-Romagna il sistema funziona, non serve l'arrivo di Poste Italiane. «Perché se in Emilia-Romagna quando apriamo le agende succede come lunedì scorso, che in poche ore si prenotano quasi 90.000 persone tra 75 e 79 anni, io dovrei decidere da un giorno all'altro di cambiare un sistema che funziona e prenderne un altro?». Sulle vaccinazioni, osserva infine Bonaccini, «ci giochiamo tanto, perché se vaccineremo praticamente tutti gli italiani andremo verso ottobre e ad una possibile quarta ondata con un paese forte e pronto a non chiudere più nulla». Perché oggi, ricorda ancora il governatore, «abbiamo tante categorie che sono nel dramma e nella disperazione».

(fonte Dire)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vaccino, Bonaccini risponde al richiamo di Draghi: «Il Governo mandi le dosi, sbagliato generalizzare»

IlPiacenza è in caricamento