rotate-mobile
Giovedì, 19 Maggio 2022
Made in Italy

Valorizzazione delle piccole produzioni locali, il senatore Pisani tra i firmatari della proposta di legge 

Il disegno di legge è volto a valorizzare al massimo il prodotto della tradizione contadina locale e traccia un percorso semplice per la commercializzazione dei prodotti agricoli, anche trasformati, di origine animale e non, dal produttore primario al consumatore finale

Le cosiddette Piccole Produzioni Locali (PPL) rappresentano una realtà ormai consolidata in numerose regioni italiane ed in particolare nei territori collinari e montani. Ecco perché l’approvazione definitiva del ddl per la valorizzazione delle piccole produzioni agroalimentari di origine locale è una buona notizia per le micro e piccole imprese, spesso a conduzione famigliare, fondamentale per il made in Italy d’eccellenza e le Aree Interne del nostro Paese. Tra i proponenti c’è anche il senatore piacentino Pietro Pisani (primo firmatario il senatore Gianpaolo Vallardi)  che si è dichiarato particolarmente soddisfatto per questo decreto che è stato approvato, va sottolineato, all’unanimità. «In pratica - spiega il senatore piacentino - le PPL consentono agli agricoltori e agli allevatori la lavorazione e vendita, in ambito locale, di piccoli quantitativi di alimenti prodotti all’interno dell’azienda agricola, ovviamente nel pieno rispetto della sicurezza igienico-sanitaria. Il testo votato prima al Senato e poi alla Camera, salvaguardia la tipicità e la tradizione locale, e fornisce un’importante integrazione al reddito per gli operatori». «Le PPL - chiarisce Pisani - possono comprendere le carni suine trasformate, quelle avicunicole fresche e trasformate, ed ancora i prodotti lattiero-caseari,il miele e prodotti dell’alveare, per finire con il pane e prodotti da forno, conserve e confetture vegetali, succhi di frutta, farine, vegetali essiccati e olio d’oliva. Nel corso degli ultimi anni sono aumentate le produzioni tipiche, di qualità e di piccole quantità, che caratterizzano alcuni ambiti territoriali e a cui sono spesso dedicate manifestazioni. Le PPL sono molto apprezzate dal consumatore che ha la possibilità di gustare, così, un prodotto genuino e dal sapore antico».

Il disegno di legge è volto a valorizzare al massimo il prodotto della tradizione contadina locale e traccia un percorso semplice per la commercializzazione dei prodotti agricoli, anche trasformati, di origine animale e non, dal produttore primario al consumatore finale. La lavorazione-trasformazione dei prodotti costituisce un’esperienza sicuramente nuova per l’imprenditore agricolo, che deve conciliare i sistemi di produzione e di conservazione, i gusti e le abitudini alimentari di un consumatore moderno, con le ricette familistiche e domestiche del passato. Le PPL, in quanto prodotti di nicchia, hanno caratteri ben specifici che li contraddistinguono: l’origine locale della materia prima, i limiti posti alle quantità che possono essere lavorate e quelli relativi alla circoscrizione di vendita (provincia e province contermini). «Questo disegno di legge - conclude il senatore Pisani - conta di portare un significativo contributo al raggiungimento di diverse finalità: l’integrazione del reddito da parte degli operatori agricoli; la scoperta di nuovi prodotti e luoghi da parte dei consumatori (turismo enogastronomico), la salvaguardia di tradizioni e culture in senso ampio, che vanno dalla gastronomia, alla salute fisica, psicologica e spirituale, alla stessa arte».

Le norme contenute in questo progetto si applicano agli imprenditori agricoli titolari di un’azienda agricola o ittica, che lavorano e vendono prodotti provenienti dall’azienda stessa. Gli imprenditori agricoli che esercitano una attività di agriturismo possono avvalersi anche di prodotti PPL provenienti da altre aziende agricole, purché ottenute in conformità alle disposizioni della presente normativa. La proposta prevede che in etichetta debba essere indicata, in maniera chiara e leggibile, la dicitura "PPL–piccole produzioni locali”, seguita dal nome del comune o dalla provincia di produzione e dal numero di registrazione dell’attività. È istituito un marchio il cui uso è concesso a titolo gratuito a domanda dell’interessato. Il marchio può essere utilizzato soltanto con riferimento ai prodotti alimentari appartenenti ai PPL e, inoltre, può essere utilizzato sia da solo che accompagnato ad altri marchi precedentemente autorizzati.

Sono individuati i requisiti strutturali dei locali destinati a tale attività, prevedendo che possano essere adoperati, per le attività di lavorazione, produzione e vendita, i locali siti nell’abitazione, compresi i vani accessori, e i locali ubicati nelle pertinenze dell’abitazione e nelle strutture agricolo-produttive dell’imprenditore agricolo o ittico, senza obbligo di cambio di destinazione d’uso, aerati naturalmente e adeguatamente illuminati. Alle ASL territorialmente competenti spetta il controllo dell’accertamento delle eventuali infrazioni. «Insomma - commenta il consigliere provinciale Giampaolo Maloberti - una nuova ed interessante prospettiva anche per i territori montani della nostra provincia che possono vantare produzioni di grande qualità, frutto di una professionalità che va tutelata e salvaguardata, anche come presidio per questi territori».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Valorizzazione delle piccole produzioni locali, il senatore Pisani tra i firmatari della proposta di legge 

IlPiacenza è in caricamento