Vendite quote Iren, i Liberali costringono a rimandare la decisione

Il freno a mano tirato da Antonio Levoni porta al rinvio in commissione: ancora tensioni in maggioranza su una decisione che sembrava ormai data per certa

Antonio Levoni

Non aumentare l’addizionale Irpef e reperire le risorse economiche attraverso la vendita di una parte delle quote di Iren. Questo era l’intento dell’Amministrazione Barbieri, su cui l’intera maggioranza sembrava essere d’accordo. Poi, la brusca frenata. I Liberali Piacentini che invitano a pensare ad altre soluzioni per raccogliere forze fresche per il bilancio comunale, come una ulteriore razionalizzazione delle spese dell’ente. In commissione 4 è così arrivata la richiesta di sospensiva da parte di Antonio Levoni (Liberali), ritenendo il prezzo attuale di vendita delle quote troppo basso e sottolineando più di un dubbio sull’efficacia della scelta. Hanno subito colto l’occasione in minoranza per evidenziare un dibattito interno alla maggioranza molto confuso. Così Pd, Liberi, Movimento 5 Stelle hanno appoggiato la richiesta di Levoni, che ha raccolto per strada anche l’ok di Mauro Saccardi di Forza Italia. Isolati Lega e Fratelli d’Italia, che sono andati sotto alla conta finale. Il provvedimento ritornerà in commissione, al termine della seduta tensioni tutte interne alla maggioranza, con i consiglieri Francesco Rabboni (Fi)  e lo stesso Saccardi.

I LIBERALI: «UNA SCELTA TROPPO COMODA»

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La commissione ha scatenato diverse reazioni a margine. «L’Associazione dei Liberali piacentini ringrazia il consigliere liberale Levoni per l’azione svolta in Commissione contro la vendita/svendita delle azioni Iren del Comune, a cui associa tutti coloro che – “con senso di responsabilità” – hanno risposto appoggiando la richiesta di rinvio. La richiesta di rinvio – dice il comunicato liberale – è la risposta necessaria ad una chiusura irragionevole a qualsiasi richiesta di trattarne in maggioranza, imponendo invece ukase verbali o telefonici. La “via breve” della vendita/svendita è la comoda via del depauperamento del Comune nell’incapacità di provare almeno a mettere ordine nelle finanze comunali, eliminando doppioni anche di enti pur di tenere moltiplicate le presidenze ed i Consigli di amministrazione. La risposta negativa (sia pure tacita) alla proposta liberale di mettersi attorno ad un tavolo e di ragionarne, è figlia di un complesso di inferiorità di alcuni esponenti della maggioranza che paralizza un’Amministrazione che non ha ancora fatto nulla di diverso da quello che avrebbe fatto un’amministrazione di sinistra, eccezion fatta per alcuni provvedimenti adottati dagli assessori Sgorbati e Zandonella, con il risultato che la Giunta si affida allegramente a scatola chiusa a dirigenti a cui non sa in alcun modo tener testa e replicare. Ma i liberali non vogliono essere responsabili di una comoda scelta di vendita/svendita che priverebbe per sempre il bilancio comunale di una considerevole entrata certa, nel segreto intento e come premessa ad un aumento futuro delle imposte, dato che con la vendita/svendita diminuiremmo le entrate ordinarie alle quali può farsi fronte solo aumentando appunto le imposte e le tasse. Iren va governata anche dal di dentro, standovi dentro, così che funzioni realmente e dia i servizi richiesti invece che lasciare la città nello stato in cui è. Iren non deve servire solo per avere inutili sponsorizzazioni, ma perché faccia quel che deve a favore della comunità ed i servizi all’utenza a cui è tenuta nel modo dovuto e non come attualmente, gravando sull’utenza indifesa da chi dovrebbe difenderla».

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Incidente a San Rocco, chiuso temporaneamente il ponte di Po

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento