Lunedì, 15 Luglio 2024
Politica

«Vengano forniti i dispositivi di protezione ai medici di famiglia»

Stragliati e Rancan (Lega) chiedono a Regione e Ausl di fornire i dispositivi per le visite a domicilio dei medici

«La Regione ha intenzione di stanziare congrue risorse per imporre all’Ausl di Piacenza di garantire idonei dispositivi di sicurezza personale ai Medici di Medicina Generale?». A chiederlo, attraverso un’interrogazione, sono i consiglieri regionali della Lega Valentina Stragliati e Matteo Rancan, capogruppo e commissario Lega Emilia.

«Questi professionisti, figure professionali nella lotta di contenimento del Covid devono essere messi nelle condizioni di poter visitare in sicurezza i pazienti al domicilio. Eppure, alcuni giorni fa, tramite una nota testata giornalistica piacentina, un cittadino ha raccontato di come fosse stato costretto a chiamare il 118, in quanto il proprio medico di famiglia sprovvisto di idoneo camice, non si è potuto recare a visitare la moglie uscita da poco dall’ospedale e affetta da Covid sintomatico che le ha procurato una polmonite bilaterale», hanno spiegato i due esponenti del Carroccio.

A rincarare la dose è stato lo stesso presidente provinciale del Sindacato nazionale autonomo Medici Italiani, che ha dichiarato che dal 1° aprile, passata l’emergenza sanitaria, l’Ausl di Piacenza non passa più ai medici i dispositivi di protezione.

«È sacrosanto che un medico di famiglia che visita un paziente Covid sia provvisto di dispositivi di protezione oltre ad avere camici idonei», hanno punto i leghisti ricordando come il presidente provinciale di Snami ha precisato che nella prima pandemia i medici furono mandati allo sbaraglio e confermato che da aprile, contrariamente ad una dichiarazione di fonte Ausl, i dpi non vengono distribuiti. «In un documento firmato dal direttore del Dipartimento di Cure Primarie dell’Ausl di Piacenza si sostiene che “Le richieste di forniture di Dpi non saranno più autorizzabili e non saranno presi in carico dall’Azienda”. Una decisione assurda. Di qui il nostro atto ispettivo per sapere cosa intenda fare la Regione», hanno concluso Stragliati e Rancan.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Vengano forniti i dispositivi di protezione ai medici di famiglia»
IlPiacenza è in caricamento