«Veniamo in consiglio comunale e prendiamo continuamente multe»

La lamentela di Maria Lucia Girometta (Forza Italia) condivisa da diversi colleghi. Il parcheggio di vicolo Perestrello (tra Sant'Ilario e Palazzo Mercanti) non riesce a ospitare le auto di tutti gli amministratori e i vigili sono implacabili nei confronti dei consiglieri. Zucconi: «Dateci i posti dei taxi quando c'è il consiglio»

repertorio

Archiviato il dibattito e il voto sul bilancio preventivo, il consiglio è ripreso nel pomeriggio del 20 luglio. Claudio Ferrari, presidente del consiglio, ha voluto ricordare in apertura la figura di Massimo Capra, ingegnere ed ex assessore (e consigliere) in Comune, scomparso nei giorni scorsi. «Ci sentiamo soddisfatti come maggioranza – ha detto Christian Fiazza (Pd) - dei risultati dei “Venerdì Piacentini”: testimoniano l’evoluzione della rete fatta di commercianti, imprenditoria e amministrazione.  Anni fa non c’era questa sinergia, ringraziamo gli uffici e tutti gli interlocutori. C’è una ricchezza di avviamenti che non deve andare dispersa». Fiazza è ritornato sulla questione “deiezioni liquide canine” da pulire. «È un elemento di civiltà importante. Non è un’ordinanza contro i cani, ma contro la maleducazione dei padroni. Nei Paesi del Nord è una cosa normale, da noi è ritenuta una vessazione contro i cittadini: non funziona così, quella è una proposta di buon senso. L’ordinanza va nel senso di rendere più civica e civile la città di Piacenza».

Ultimamente i consiglieri – alle prese con diverse commissioni e sedute - sono stati “subissati” di multe. Il parcheggio dietro Sant’Ilario dispone di una ventina di posti a disposizione per le auto dei nostri amministratori. Peccato che i consiglieri siano 32, più la squadra di assessori.  «Non ho niente da dire contro i vigili – ha detto al riguardo Maria Lucia Girometta (Forza Italia) -, ma dovreste assegnarci - rivolgendosi all'Amministrazione - qualche via nelle vicinanze a nostra disposizione: non tutti possono venire in bicicletta in aula. Stiamo qui delle ore e prendiamo le multe». «Nei giorni di consiglio alcuni posti taxi, circa una decina, - ha proseguito Guglielmo Zucconi (Misto) - potrebbero essere lasciati a noi consiglieri. Comunque io e la consigliera Ponzini non l’abbiamo votata l’ordinanza sulla pipì. Ma se questo è il problema più discusso della città sono contento, significa che le cose vanno bene». «In nessun altro luogo di lavoro – ha criticato l’intervento dei colleghi Giovanni Castagnetti (Piacentini per Dosi) - il datore deve riservare dei posti per i suoi dipendenti. Uno trova il posto dove riesce, come tutti quanti gli altri. Qua si vuole vantare una differenza, il privilegio dei consiglieri comunali». «Ne riparleremo con il comandante dei vigili per trovare una soluzione», ha brevemente commentato il sindaco Dosi.

«Investimento importante quello sui “Venerdì” – ha detto Marco Colosimo (Piacenza Viva) -  dovremmo dare una mano a qualche commerciante che investe tanto nell'evento e si trova costretto a lasciare molti guadagni alla Siae. Non critico l’ordinanza sulla pipì dei cani, critico che il fatto che è stata emessa prima di ordinanze più importanti come il decoro urbano e il senso civico delle persone. Manca il rispetto anche su altre cose: pensate ai giardini Margherita pieni di bottiglie e sporco». Del problema "Siae" ne ha parlato anche  Giovanni Castagnetti, che ha sottolineato questo problema storico che affligge gli esercenti che decidono di offrire spettacoli musicali all'aperto. Con amarezza Daniel Negri, capogruppo Pd, ha appreso del taglio ai fondi nazionali per i malati di Sla, esprimendo il suo sconforto per la notizia appresa dalla stampa.  «Il sindaco di Fiorenzuola Compiani – ha detto Negri -, nel suo ruolo di presidente della Conferenza Sociosanitaria, ha assicurato che i comuni faranno la propria parte». «Ci fu una campagna mediatica incredibile - ha ricordato Massimo Polledri (Lega) - con docce gelate e di coriandoli anche qua a Piacenza per la Sla. L’impegno ci vorrebbe ora, in questo momento». «È vero - è intervenuta anche Sandra Ponzini (Pd) - non votai la mozione sulla pipì dei cani: a mio giudizio era meglio promuovere campagne di sensibilizzazione sul rapporto, complicato, tra padroni e animali».

«Mi ha stupito la celerità dell’ordinanza – ha continuato sul tema Roberto Colla (Moderati) – sulla pipì dei cani. Speriamo che altre mozioni ricevano lo stesso trattamento. Molte cadono nel dimenticatoio. È stata votata e subito attuata, forse perché non imponeva un intervento economico del Comune. I Venerdì Piacentini sono terminati per questo luglio, però venerdì prossimo - è la sua proposta - chiudiamo lo stesso il centro storico per permettere ai commercianti di mettere fuori dehors o fare iniziative. Così facciamo vivere il centro, anche se in tono minore, rispetto ai Venerdì Piacentini».

Il sindaco Paolo Dosi ha ringraziato il questore per i controlli interforze attuati nei Venerdi Piacentini, che hanno portato all’identificazione di circa 300 persone nel quartiere Roma. «Continueranno anche in altre circostanze: mi piacerebbe che si cogliesse un impegno che si sta perfezionando con la collaborazione di tutte le forze dell’ordine, al di là dei singoli episodi (liti e piccola criminalità) che fanno breccia nella stampa. C’è un lavoro dietro che non fa notizia». Dosi ha ripreso l’intervento di Negri sulla Sla. «Abbiamo cercato di contattare i familiari che compongono localmente l’Aisla ma non ci siamo riusciti. Non è stato ridotto il fondo per l’autosufficienza: è stato trasferito verso le assistenze domiciliari. Il fondo è stato rivisitato e redistribuito in tutte le non autosufficienze. Sulle singole famiglie coinvolte dalla Sla ci sarà per forza di cose un’incidenza diversa. Ci confronteremo con le associazioni».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento