Via libera al Comune “Alta val Tidone”, Tarasconi e Molinari (Pd): «Occasione di rilancio»

E' stato approvato nel corso della seduta dell’Assemblea legislativa di oggi la fusione di Caminata, Nibbiano e Pecorara con l’istituzione del nuovo comune denominato “Alta val Tidone”

Pecorara

Dopo il referendum del 28 maggio scorso che ha registrato parere favorevole della maggioranza dei votanti in tutti e tre i Comuni (66,34% favorevoli e 33,66% i contrari), è stato approvato nel corso della seduta dell’Assemblea legislativa di oggi la fusione di Caminata, Nibbiano e Pecorara con l’istituzione del nuovo comune denominato “Alta val Tidone” al posto dei tre preesistenti. In base a quanto previsto dal progetto di legge, il Comune di nuova istituzione avrà inizio a partire dal primo gennaio 2018. Con una popolazione complessiva di circa 3.160 residenti, la nuova realtà amministrativa potrà contare su un contributo regionale di 107.225 euro l’anno per un decennio, il che significa 1.072.250 euro. A questi si aggiungono 584.582 euro annuali di contributo statale. Complessivamente al nuovo Comune saranno erogati 6.918.070 euro.

“Consideriamo questo un momento importante – dichiarano i consiglieri Pd Katia Tarasconi e Gian Luigi Molinari - perché è la prima fusione approvata nel piacentino. Ci auguriamo quindi che questo sia un punto di partenza per dare il via a una sperimentazione positiva che sia occasione per altri Comuni di valutare con maggiore tranquillità l’esito di questo procedimento. Diamo altresì atto ai tre Sindaci di essersi sapientemente attivati sui loro territori per far comprendere quanto veniva proposto e valutare senza pregiudizi l’importanza di questa scelta”. “Da tempo si parla di fusioni di piccole realtà in un unico comune ed è inevitabile procedere verso questa direzione, volontà popolare permettendo, e unita certamente alla volontà politica delle varie amministrazioni, per dare vita ad una realtà comune che possa essere occasione di crescita. Al di là dei precedenti esiti negativi, ciascun progetto è stato pensato ed avviato nonostante le unioni fatichino a decollare anche per la difficoltà ad abbandonare il “campanile”. Come ho già sostenuto in passato guardando gli studi di fattibilità delle fusioni già in corso nel resto della Regione è necessario, secondo i consiglieri Pd, abbandonare la logica dell’essere piccoli e belli e di restare così. “È necessario attuare un’ottica di lungimiranza, considerando il fatto che unirsi significherebbe mantenere i servizi nella loro qualità”. Ricordiamo infatti che Caminata costituisce uno dei più piccoli comuni della Regione con 247 abitanti, Pecorara di abitanti ne ha 706 e Nibbiano 2.177. I numeri parlano da soli. Certo – sottolineano ancora i consiglieri - non si procede a una fusione solo per il numero esiguo di abitanti, ma lo spopolamento in atto dalla fine degli anni Sessanta e che è andato ad incrementarsi progressivamente in questi Comuni abbia imposto di prendere in considerazione la strada della fusione per tenerli in vita. “Accogliamo quindi con soddisfazione – concludono Tarasconi e Molinari - il fatto che i cittadini di Nibbiano, Caminata e Pecorara abbiano voluto sperimentare questa strada. Sono realtà vicine che fanno parte di un territorio culturalmente omogeneo: con nuovi fondi sarà possibile garantire servizi per la popolazione che sempre più spesso lamenta il fatto di doversi spostare in città per le proprie esigenze. Sarà quindi la prova definitiva della possibilità o meno di far decollare nel piacentino questi progetti, confidando nell’occasione di rilancio di queste comunità che stanno indubbiamente attraversando una fase difficile e complessa”. 

“L’obiettivo della fusione, condiviso dall’opinione pubblica, oggi è stato raggiunto" ha affermato con soddisfazione Tommaso Foti (Fdi-An), relatore di minoranza del progetto di legge. "Ora- ha affermato- si tratterà di governare al meglio il processo di cambiamento, ma penso che la saggezza dimostrata dei sindaci sia il miglior viatico per dire che siamo sulla strada giusta, anche in provincia di Piacenza, per dare avvio a fusioni che non devono essere realizzate a freddo”. E proprio l’impostazione data dai primi cittadini al processo di fusione che va a buon fine nel piacentino, ha sottolineato Foti, è stato l’elemento che ha portato al risultato positivo. Perché – ha evidenziato - oltre alle risorse è stata prospettata la possibilità di realizzare sinergie a vantaggio della popolazione perlopiù di età avanzata (in particolare a Caminata e a Pecorara) in un territorio molto esteso, ma con un basso tasso di residenti e con una elevata dispersione abitativa. “Se la fusione si fosse realizzata anche con il Comune di Pianello- ha concluso Foti- si sarebbe raggiunta la perfezione, chiudendo il perimetro dell’Alta Valtidone. In ogni caso, per il futuro, la legge prevede possibili aggregazioni o forme di convenzioni fra Comuni”. Anche da Andrea Bertani (M5s) giudizio positivo sulla fusione. “Finalmente c’è un referendum che funziona”, ha osservato invitando ad una riflessione sugli strumenti legislativi che la Regione si è data in proposito e sulle cause per le quali, in altri territori, la fusione è fallita. Tra queste – ha segnalato – il mancato coinvolgimento dei cittadini fin dall’inizio del processo. Bertani ha quindi criticato le ultime modifiche introdotte nella legge sulle fusioni che – a suo avviso – rendono il referendum consultivo “uno strumento debole”, perché anche se i cittadini dicono 'no' in uno dei comuni coinvolti, “sono previsti diversi casi in cui il risultato può essere ribaltato”. Da affrontare, a suo avviso anche il tema dei municipi, per dare la certezza che questi presidi rimangano in tutti i territori dei comuni fusi, mentre ad oggi – ha detto – in alcuni realtà “sono state fatte forzature”. Matteo Rancan (Lega nord) ha espresso a sua volta soddisfazione per la riuscita di questa prima fusione di comuni nel piacentino, alla quale i cittadini hanno espresso consenso nel referendum. Un successo che, a suo avviso, che deve invitare ad una riflessione sui motivi del successo rispetto al fallimento di altre fusioni. Da una parte - ha segnalato - va riscontrato il fatto che i territori coinvolti fossero omogenei e quindi avessero la possibilità di una collaborazione diretta. Dall’altro ha funzionato il modo in cui i sindaci hanno promosso questo processo, con il coinvolgimento dei cittadini, "senza fare forzature e usare il velato ricatto dei finanziamenti". Si tratta – ha concluso – di un segnale importante per tutto il territorio. L’assessora al Bilancio, Emma Petitti, ha espresso soddisfazione e ribadito che il percorso delle fusioni sta continuando per iniziativa dei territori. Il ruolo della Regione - ha precisato - continua ad essere di supporto alla volontà degli amministratori e il modo in cui si realizza un percorso di fusione non è secondario. "Non è il caso - ha detto-  che ci siano stati molti studi di fattibilità e percorsi partecipativi. E tanti sono quelli in corso sostenuti con i nuovi bandi regionali". Sono infatti 10 i comuni che hanno aderito al bando per ottenere i finanziamenti per gli studi di fattibilità e 12 i percorsi partecipativi sulle fusioni da avviare prima che le amministrazioni procedano con l’invio delle istanze alla Regione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al fisco 5mila euro e lavoratori in nero ma in casa un tesoro da mezzo milione: ristoratori indagati

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento