rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022
Politica

«Vigili del fuoco fondamentali ma con mezzi antincendio boschivi troppo vecchi»

Il capogruppo della Lega in Regione Matteo Rancan e il consigliere del Carroccio Michele Facci: «Rivedere la convenzione in essere tra Regione Emilia Romagna e il Ministero competente per aumentare la dotazione di strumenti a sostegno dell’importante attività svolta dal corpo dei Vigili del Fuoco»

“Rivedere la convenzione in essere tra Regione Emilia Romagna e il Ministero competente per aumentare la dotazione di strumenti a sostegno dell’importante attività svolta dal corpo dei Vigili del Fuoco. Le recenti proteste dei sindacati degli stessi Vigili del Fuoco confermano che le attuali condizioni economiche a copertura della loro attività non sono sufficienti a garantire una prestazione adeguata, a cominciare dai mezzi vecchi anche di 20 anni  di cui dispongono”.

E’ quanto chiedono il capogruppo della Lega in Regione, Matteo Rancan, e il consigliere del Carroccio Michele Facci, rilanciando le proteste di cui si è fatto portavoce anche il coordinatore regionale della Fp-Cgil Vigili del Fuoco, Alessandro Monari, e annunciando la presentazione di una risoluzione in tal senso al Consiglio regionale. “La convenzione in essere – spiegano Rancan e Facci - è stata sottoscritta l’11 giugno 2019 tra l‘ Agenzia Regionale per la sicurezza territoriale e la protezione civile e il Ministero dell’Interno – Dipartimento Vigili del Fuoco, Soccorso Pubblico e Difesa Civile – Direzione Regionale Emilia-Romagna, per la reciproca collaborazione nelle attività di protezione civile. Si tratta – osservano Rancan e Facci – di una convenzione quadro importante ma evidentemente non più adeguata se è vero che non  garantisce i fondi necessari ad un’attività che, anche quest’anno, si è dimostrata fondamentale per la salvaguardia del patrimonio boschivo regionale. 

I mezzi antincendio boschivi (Aib) della Regione Emilia-Romagna, come ha denunciato Monari,  "sono vecchi di decenni e con migliaia di chilometri e vengono spostati dalla parte opposta del Paese restando, spesso, in panne a metà strada". La Regione, secondo i rappresentanti  della Lega, deve quindi “incrementare gli stanziamenti oggi previsti, così da garantire formazione, mezzi e logistica adeguate alle esigenze di una sempre maggiore richiesta attività di controllo del territorio con tempestività ed efficacia, assicurando al Corpo dei Vigili del Fuoco un ruolo centrale nella lotta agli incendi boschivi. Analoga richiesta era stata avanzata già con una interrogazione della Lega nel 2018 ma da allora, quando risultava che il 35% del parco automezzi avesse un’età oltre il limite fissato dal Dipartimento dei Vigili del Fuoco, non è cambiato nulla”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Vigili del fuoco fondamentali ma con mezzi antincendio boschivi troppo vecchi»

IlPiacenza è in caricamento