Politica

Vignati: «La storia non va cancellata. Il nome di Giuseppe Verdi deve continuare a onorare quel luogo»

Vignati fornirà un contributo all’azione politica di Buona Destra sulle tematiche dell’associazionismo, delle strutture e delle attività sportive

«Ho visto che alcuni esponenti politici hanno proposto di intitolare il costituendo centro paralimpico di Villanova d’Arda a Gianni Scotti. Non sono d’accordo perché quel luogo un nome ce l’ha già ed è quello del suo fondatore, Giuseppe Verdi. Potremmo rendere onore a Gianni Scotti curando attività e organizzando eventi per il nostro territorio. E potremmo onorarlo ancor di più riuscendo a costituire un Comitato provinciale paralimpico: questo permetterebbe finalmente di eleggere un Presidente provinciale che abbia esperienza e competenza per gestire il movimento paralimpico del nostro territorio, per superare la prassi di veder nominare dei delegati dal livello regionale» – afferma Pierangelo Vignati, responsabile sport della Buona Destra. «Mi trovo pienamente d'accordo con quanto scritto dal sindaco di Rottofreno, Raffaele Veneziani. Faccio mie le sue parole circa la responsabilità che noi piacentini abbiamo verso quel luogo e verso la disabilità. Dividerci e litigare prima ancora di cominciare, è l’errore più grande che possiamo commettere. È nostro dovere rispettare la storia di quella struttura. E siccome quella struttura un nome ce l'ha già ed è quello del suo fondatore, non dobbiamo riservare ad essa un altro sfregio. La contrapposizione che inizia a delinearsi tra chi propone un nome e chi un nome diverso, può solo fare male al nostro territorio e a questo grande progetto dedicato allo Sport Paralimpico. La storia non va cancellata – prosegue Vignati – Giuseppe Verdi non è stato soltanto un grandissimo musicista, ma è stato anche uno straordinario filantropo e il suo nome deve continuare a onorare il nuovo impianto che verrà realizzato».

Pierangelo Vignati, dopo un periodo trascorso in acqua come pallanuotista, all'età di 17 anni ha iniziato la sua carriera sportiva prima nel ciclismo e poi nel paraciclismo. In questa disciplina, ai Giochi Paralimpici estivi di Sydney del 2000, conquista l'oro. È stato coach della nazionale di paraciclismo della Romania e dal 2010 è direttore sportivo e tecnico di pallanuoto e direttore tecnico nella gestione impianti sportivi per la Sport Management Spa. Oggi è direttore sportivo per la Federazione di paraciclismo greca. Ha collaborato con Rai Sport come commentatore tecnico in occasione delle Paralimpiadi di Pechino 2008, Londra 2012 e Rio 2016. È laureato in Scienze Motorie presso l'Università del Foro Italico di Roma e ha conseguito la qualifica di Tecnico CONI di IV Livello Europeo presso la Scuola dello Sport di Roma. In forza della sua esperienza, Vignati fornirà un contributo all’azione politica di Buona Destra sulle tematiche dell’associazionismo, delle strutture e delle attività sportive. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vignati: «La storia non va cancellata. Il nome di Giuseppe Verdi deve continuare a onorare quel luogo»

IlPiacenza è in caricamento