rotate-mobile
Domenica, 16 Giugno 2024
La notifica del decreto / Villanova sull'Arda

Villa Verdi, avvio dell'esproprio. Rancan (Lega): «Patrimonio di enorme valore a disposizione di tutti»

Soddisfazione anche del consigliere regionale Giancarlo Tagliaferri (FdI): «Il Governo Meloni mantiene le promesse e lavora per Piacenza e le sue eccellenze»

«Villa Verdi, casa museo del grande compositore, si prepara all’esproprio: tappa importante per il pieno recupero della struttura grazie all’impegno del Ministero». Sul tema interviene Matteo Rancan, capogruppo consiliare Lega e segretario Lega Emilia, commentando con soddisfazione la comunicazione del direttore generale Archeologia, Belle arti e Paesaggio del Ministero della Cultura, che ha notificato ai proprietari il decreto di pubblica utilità - finalizzato all'esproprio, ai sensi dell'art. 95 del Codice dei Beni culturali - della casa-museo del compositore Giuseppe Verdi, di Sant'Agata di Villanova. Agli eredi verrà consegnata dallo Stato una somma di otto milioni di euro per l'esproprio, al quale possono comunque presentare ricorso. 

«Il provvedimento – ha aggiunto Rancan – comprende l'indicazione del valore dell'indennità di esproprio del compendio immobiliare e dei beni mobili pertinenziali e precede il decreto di esproprio che rappresenta l'atto conclusivo – ha aggiunto l’esponete della Lega - della procedura che determinerà il trasferimento del diritto di proprietà in favore dello Stato, mettendo a disposizione di tutti un patrimonio di enorme valore storico e artistico».

«Si tratta di un primo passo – commenta il consigliere Regionale Giancarlo Tagliaferri (Fratelli d’Italia) - verso la valorizzazione del patrimonio culturale verdiano di Villanova sull’Arda. Il Governo Meloni mantiene le promesse e lavora per Piacenza e le sue eccellenze».

FOTI (FDI): «VILLA VERDI PATRIMONIO INESTIMABILE RESTITUITO AGLI ITALIANI»

«Con Villa Verdi – commenta Tommaso Foti, capogruppo alla Camera di Fratelli d’Italia - oggi viene restituito un patrimonio di inestimabile valore agli italiani. Grazie al lavoro puntuale e attento del Ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano, che sin dal primo giorno del suo incarico si è attivato affinché Villa Verdi – nella quale abitò il compositore per circa cinquant’anni – potesse tornare ad essere fruibile da parte dei visitatori, questo obiettivo è stato raggiunto. Il direttore generale Archeologia, Belle arti e Paesaggio ha infatti notificato ai proprietari il decreto di esproprio, che rappresenta l'atto conclusivo della procedura che determinerà il trasferimento del diritto di proprietà in favore dello Stato e dunque di un bene non solo per Sant’Agata di Villanova sull’Arda, dove si trova la residenza, ma per l’intera comunità legittimamente orgogliosa di avere espresso un genio della musica quale Giuseppe Verdi. Per questo la sensibilità dimostrata dal Ministro Sangiuliano fan ben sperare per il futuro della Cultura in Italia».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Villa Verdi, avvio dell'esproprio. Rancan (Lega): «Patrimonio di enorme valore a disposizione di tutti»

IlPiacenza è in caricamento