menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Un momento dell'evento

Un momento dell'evento

Violenza sulle donne, parte il corso per insegnanti per prevenire il fenomeno

E' stato avviato il percorso formativo rivolto agli insegnanti degli istituti superiori di secondo grado "Amore e violenza - percorsi formativi per un'identità di genere contro la discriminazione e per fermare la violenza"

Il 18 gennaio 2016, è stato avviato, alla presenza della presidente del tavolo provinciale di confronto contro la violenza, il consigliere provinciale Gloria Zanardi, presso la Provincia, il percorso formativo rivolto agli insegnanti degli istituti superiori di secondo grado denominato "Amore e violenza - percorsi formativi per un'identità di genere contro la discriminazione e per fermare la violenza", finalizzato a supportare gli insegnanti nella comprensione di atteggiamenti e condotte, nell'eventuale riscontro di segni e sintomi negli studenti che potrebbero rivelare segnali di violenza e, conseguentemente, valutare quali comportamenti e procedure sono da adottarsi in tali situazioni.

Al corso sono intervenuti, in qualità di relatori, il sostituto commissario Tiziana Sartori e Lorella Bagatin, in rappresentanza della Questura, il tenente Luca delle Vedove e il maresciallo Patrizia Salvato per l'Arma dei Carabinieri, Francesca Giacobbi e Elena di Blasio per il centro Italiano per la Promozione della Mediazione e Maria Teresa Bertè per il Centro antiviolenza Telefono Rosa.

«Anche quest'anno – afferma il consigliere Gloria Zanardi – proseguono i corsi (già avviati per altro presso gli istituti comprensivi di Castell'Arquato e di Fiorenzuola) rivolti agli insegnanti delle scuole dell'infanzia e primaria e delle scuole secondarie di primo e secondo grado, promossi nell'ambito del Tavolo Provinciale contro la violenza alle donne, che da sempre è impegnato nella sensibilizzazione e prevenzione sul tema».

«L'iniziativa – prosegue Zanardi – segue l'esperienza di otto percorsi formativi realizzati negli anni scolastici 2012/2013 e 2013/2014 ed in continuità, in attuazione del programma per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere e intrafamiliare, approvato congiuntamente dai tre distretti socio-sanitari (distretto Città di Piacenza, distretto di Ponente e distretto di Levante) e avvalendosi delle risorse stanziate dal medesimo programma, viene riproposta detta iniziativa, che coinvolge gli insegnanti  proprio perché è nella scuola che i ragazzi e ragazze compiono un percorso fondamentale di crescita culturale e umana, e quindi l'obiettivo è quello di fornire conoscenze, metodologie e strumenti per prevenire, riconoscere, contrastare situazioni e atteggiamenti di violenza  e quindi fornire le informazioni necessarie per attivare la rete dei servizi oltre che e a garantire il principio di pari opportunità tra donne e uomini nei diversi aspetti in cui esso si esplica».

Il consigliere rammenta anche l'importanza del protocollo d'intesa per l'istituzione del Tavolo Provinciale di confronto contro la violenza alle donne, sottoscritto il 25 novembre 2011 in occasione della giornata mondiale contro la violenza, per l'entità degli obiettivi che persegue: la prevenzione di situazioni e atteggiamenti di violenza, la sensibilizzazione della cittadinanza con particolare attenzione alle giovani generazioni e il garantire il principio delle pari opportunità tra donne e uomini nei diversi aspetti in cui si esplica.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento