menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

«Vogliamo confrontarci con i consiglieri, perché l’Amministrazione ce lo impedisce?»

Piacenza Servizi Cimiteriali: «La nostra richiesta di essere ascoltati in Commissione 1 è ancora senza risposta». Il presidente Domeneghetti difende la scelta di non invitare nella seduta a discutere

«Per la seconda volta nel giro di pochi giorni abbiamo inviato al presidente della Commissione 1 Nicola Domeneghetti la richiesta di essere ascoltati come “Piacenza Servizi Cimiteriali” e nessuno ci ha dato una risposta». Così “Piacenza Servizi Cimiteriali”, la società che ha in gestione i cimiteri del capoluogo, torna a farsi sentire nella querelle con il Comune. «Dopo la riunione della scorsa settimana in cui l’Amministrazione comunale ha presentato la propria versione sulla gestione del cimitero senza alcun contraddittorio, abbiamo nuovamente inviato agli organi competenti la nostra disponibilità a presentarci di fronte ai commissari per rispondere alle segnalazioni fatte dal Comune. Non solo, per quanto ci riguarda siamo pronti a fornire a chiunque ne faccia richiesta tutti i documenti di cui siamo in possesso, per consentire ai componenti della Commissione 1 di prepararsi in vista di un’eventuale nostra audizione. Ci sembra che in democrazia il confronto sia alla base di tutto, non abbiamo nulla da nascondere e siamo pronti a dimostrarlo di fronte a consiglieri che avranno in mano tutte le carte richieste, non come è successo nel corso della prima seduta in cui nessuno aveva avuto la possibilità di leggere la documentazione esistente fra la Piacenza Servizi Cimiteriali e l’amministrazione comunale. A oggi nessuno ha risposto in modo chiaro alle nostre due domande di essere ascoltati e sinceramente non ne capiamo il motivo. Perché vietare un confronto che avrebbe come unico obiettivo quello di fare chiarezza su una questione che riguarda il cimitero e dunque un bene di tutta la comunità piacentina?».

LA REPLICA DI DOMENEGHETTI: «LA SOCIETA’ AVRA’ MODO DI SPIEGARSI NELLE SEDE COMPETENTI»

«Diversamente da quanto sostenuto oggi dalla società Piacenza Servizi Cimiteriali, ho personalmente risposto in data 26 marzoNicola Domeneghetti-2 alle ore 16.08 - ritengo in modo molto chiaro - alle richieste di audizione della stessa società, spiegando nel merito le motivazioni per cui non si avvertiva l’opportunità di accogliere tale istanza. Dichiarare l’opposto, come è facilmente documentabile, è il miglior modo per dare di sé l’immagine di scarsa attendibilità». Il consigliere comunale di Fratelli d’Italia, Nicola Domeneghetti, presidente della Commissione consiliare 1, replica in modo piccato e a stretto giro di posta all’intervento della società Piacenza Servizi Cimiteriali che denunciava la mancata risposta alla richiesta di audizione in Commissione. «Sono ormai note le contestazioni che vengono rivolte alla gestione del servizio resa dalla società a responsabilità limitata Piacenza Servizi Cimiteriali – continua Domeneghetti – tanto da ritrovarsi ormai in una fase pre-conteziosa. Nello scenario prospettato, la Commissione, che è organo del consiglio comunale e non soggetto terzo, ha ritenuto di chiara evidenza la non opportunità di audizione della stessa, senza che questo sia pregiudizievole della democrazia di alcuno». «Nelle sedi competenti – conclude il presidente Domeneghetti – la Piacenza Servizi Cimiteriali avrà ampia facoltà di esprimere le proprie posizioni, così come sta facendo a mezzo stampa, ci auguriamo senza altre polemiche. Avremmo preferito che molte risposte, oggi annunciate, venissero date, in modo concreto ed esaustivo, negli scorsi mesi, cosa che ci avrebbe evitato di giungere in questa spiacevole situazione, soprattutto per i cittadini di Piacenza e per le loro legittime aspettative sui servizi cimiteriali».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Addio a don Giancarlo Conte, fondatore di San Giuseppe operaio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento