«Vogliamo mandare a casa chi ha governato per vent’anni»

Andrea Pugni presenta i candidati della lista del Movimento 5 Stelle che lo accompagneranno alle prossime Amministrative: «Avversari di alto livello, ma sono abituato alla competizione». Gabbiani e Quagliaroli gli passano simbolicamente il testimone

La lista dei 5 Stelle

Se cinque anni fa l'obiettivo era avere più occhi vigili possibili in Consiglio comunale tra le file dell'opposizione, oggi si punta a conquistare il ballottaggio, per giocarsi la vittoria il 25 giugno. Il Movimento 5 Stelle si presenta alla città. La lista del candidato sindaco Andrea Pugni (46 anni, bancario, responsabile di tre filiali nel Piacentino e padre di due figli) si è riunita nel Point d’ascolto di via Alberoni per lanciare la carica verso il voto del prossimo 11 giugno. La lista è di 30 persone, tra cui spicca la presenza anche di quattro appartenenti al percorso di Rosarita Mannina (Daniela Silva, Jacopo Dallavalle, Salvatore Ziliani e Alessandro Galluppi) che hanno deciso di mettersi in gioco con il programma di Pugni, programma che verrà illustrato lunedì 8 maggio.

«Mi sono candidato – ha spiegato lo stesso Pugni – perché ho visto la città in difficoltà: nel settembre 2016 ho pensato di partecipare mandando il mio curriculum.  Credo fermamente che la democrazia diretta dei 5 stelle possa cambiare le sorti della città. C’è stato un cammino faticoso – Pugni allude alle tensioni con la corrente che faceva capo a Mannina – ma ora possiamo giocarci le nostre chanches. Il candidato sindaco è solo un portavoce: a noi interessa perseguire il bene comune». Pugni ha fatto proiettare un video di presentazione dei candidati consiglieri: «Vengono dai più disparati lavori e sono quasi tutti di Piacenza. Alcuni sono conosciuti altri diventeranno famosi in futuro».

A dargli manforte, senza entrare in lista, sono i consiglieri uscenti Mirta Quagliaroli e Andrea Gabbiani. «Non so chi ve lo ha fatto fare – ha esordito Gabbiani rivolgendosi ai trenta candidati -, state andando ad affrontare dei “mostri” e non siete politici di professione: perciò dovrete studiare il doppio degli altri. Ma siete diversi e questo è un grande vantaggio, tra noi e loro. Quando entrerete in consiglio comunale vivrete un’emozione fortissima nel rappresentare la città. Io da oggi vado in pensione, dopo aver dato vita – ben dieci anni fa – a questo Movimento a Piacenza. «Allora iniziammo un percorso e ci insultavano per strada. Chi verrà eletto tra voi incontrerà avversari politici e nemici. Ma ricordatevi che è il cittadino al centro di ogni programma». Gabbiani ha anche sottolineato che il Movimento è «stato il gruppo consiliare che ha lavorato di più in questi cinque anni».  

Qualche consiglio è arrivato anche dal capogruppo uscente (e candidata sindaco nel 2012). «Mi sento molto libera – ha osservato Quagliaroli -, sono felice di passare il testimone a voi. Siate orgogliosi di rappresentare il Movimento. La responsabilità di appartenere a ideali così alti io l’ho sentita: il Movimento è qualcosa di rivoluzionario. In questi dieci anni abbiamo subito un po' di tutto ma sono orgogliosa di ho quanto fatto con Gabbiani». Tra i successi dell’opposizione a 5 Stelle, secondo il capogruppo, è da annoverare l’ottenimento dello streaming del Consiglio comunale e la classificazione della Pertite a parco pubblico. «A voi voglio trasmettere l’orgoglio di appartenere ai 5 Stelle». I due consiglieri uscenti hanno poi passato simbolicamente il testimone – una bandiera pentastellata - al candidato sindaco.

Andrea Pugni ha provato a infondere entusiasmo a un gruppo che già di per sè coltiva tanta speranza. «Siamo qui per vincere – ha detto Pugni al point - perché vogliamo mandare a casa quelli che per vent'anni hanno governato la città.  Se a Rizzi, Barbieri e Trespidi togliete la maschera, vedete la stessa forza di governo. I miei avversari sono di alto livello ma io sono abituato all'agonismo. La competizione è più entusiasmante con questi rivali. Poi, lo sappiamo, se arriviamo al ballottaggio tendenzialmente siamo vincenti».

Pugni ha risposto alle domande dei cronisti. «Trespidi non è il candidato del centrodestra, è un altro candidato del centrosinistra. L’avvocato Barbieri sostiene che Trespidi appartiene a loro». Per il candidato la lotta sul piano organizzativo è impari. «Facciamo fatica a ottenere visibilità. Non abbiamo risorse da spendere, siamo svantaggiati rispetto agli altri». Trespidi era candidato in Forza Italia quindici anni fa con lo stesso Pugni: il candidato sindaco grillino prova a spiegare: «Mi sono presentato come riempilista di Forza Italia nel 2002 senza essere del partito. Nessuno dei protagonisti di allora se lo ricorda, comunque l’ho già detto, non l’ho nascosto. Nel 2002 erano altri tempi». Il Movimento 5 Stelle spera che sia venuto il suo, di tempo, per governare Piacenza. «Stavolta - conclude Pugni - giochiamo per vincere lo scudetto».

LA LISTA DEL MOVIMENTO 5 STELLE

Sergio Dagnino, Imprenditore

Debora Rita Malaponti, Imprenditrice

Emanuele Falzarano, Social Media Manager

Patrizia Pastori, Grafica Pubblicitaria

Stefano Bettini, Organizzatore Eventi Sportivi

Danilo Tosi, Imprenditore Marketing Operativo

Stefano Dan – ex Funzionario Statale

Paolo Sicchiero – Medico Chirurgo

Samantha Catalano – Medico Veterinario

Alessandro Galluppi – Architetto

Roberto Compagnoni – Controllore

Cristian Cassani – Operaio

Barbara Dossena – Commerciante

Roberta Buzzini – Commessa

Giovanni Groppi – Funzionario Pubblico

Andrea Gandolfi – Praticante Avvocato

Elena Ambrosino – IT System Administrator

Andrea Remo Turiello – Impiegato

Claudia Di Resta – Collaboratrice Scolastica

Valentino Lamberti – Graduato dell’Esercito

Daniela Iskra Silva – Insegnante

Ernesto Ghigna – Marketing Manager

Salvatore Ziliani – Coltivatore Diretto

Giancarlo Baldini – Pensionato

Virginia Botti – Commessa

Matteo Cipelletti – Operaio metalmeccanico

Elisa Marzaroli – Estetista

Vittorio Attili – Web Marketing Manager

Maria Grazia Giordano – Scrittrice

Jacopo Dallavalle – Educatore professionale

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

Torna su
IlPiacenza è in caricamento