West Nile, Rancan (Lega): «Facciamo come il veneto: subito fondi per un piano straordinario»

Il consigliere regionale Matteo Rancan della Lega interviene sull’emergenza virus West Nile

«Ben 62 casi di virus West Nile in forma gravissima in Emilia Romagna e la Regione non ha ancora previsto un piano straordinario. Prendiamo esempio dal Veneto, che ha stanziato 500 mila euro e avviato controlli a tappeto. Il picco di contagi registrato questa estate dimostra che è importante agire subito senza aspettare l’anno che verrà». Il consigliere regionale Matteo Rancan della Lega interviene sull’emergenza virus West Nile. Secondo l’ultimo bollettino (fonte Sole 24 ore https://salute24.ilsole24ore.com/articles/20894), i casi di infezione sono 255 in tutta Italia, di cui 103 si sono manifestati nella forma neuro-invasiva, 62 dei quali in Emilia Romagna e 34 in Veneto e fra questi, 10 pazienti sono deceduti di cui 7 in Emilia Romagna. 

«Il nostro territorio, insieme al Veneto è quello più gravemente colpito dal virus», spiega Rancan. «Il Veneto però ha reagito subito e ha stanziato mezzo milione di euro per un piano straordinario di disinfestazione che coinvolge i Comuni che hanno registrato il maggior numero di casi. A quanto pare, invece, la nostra Regione resta a guardare quello che accade, scaricando di fatto responsabilità e costi delle disinfestazioni sui singoli Comuni». ll piano messo in campo dalla giunta guidata da Luca Zaia prevede una serie di interventi, sia adulticidi che larvicidi, per un costo di 500 mila euro e una disinfestazione straordinaria che risponde allo scenario epidemiologico del momento con sindaci autorizzati a fare controlli porta a porta. Considerato che la situazione in Emilia Romagna è ancora più grave in termini numerici di contagio e di decessi, «abbiamo depositato un’interrogazione per chiedere che l’Emilia Romagna prenda esempio dalla Regione a guida Lega e stanzi un fondo per attivare un piano straordinario di prevenzione, a supporto delle azioni di disinfestazione delle amministrazioni locali», aggiunge l’esponente del Carroccio. «La lotta alla zanzara che può diffondere la malattia – prosegue - deve essere capillare e, come ben sanno anche gli assessori della giunta Bonaccini, per avviare un sistema di prevenzione sanitaria efficace sono necessari fondi straordinari da mettere in campo subito».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento