Zanardi (Misto): «Cosa s’intende fare degli spazi comunali alla Besurica?»

Interrogazione a risposta orale del consigliere comunale del gruppo “Liberi” Gloria Zanardi

PREMESSO CHE

a fine settembre 2017: incontro tra l’Amministrazione comunale (assessori Zandonella e Mancioppi) e il comitato “Besurica Sicura” e l'allora comandante della Polizia Municipale Piero Vergante. I residenti manifestavano il desiderio che nel Centro civico di via Perfetti ritornasse la stazione della Polizia municipale, in luogo della Biblioteca comunale, in quanto il punto prestito libri non aveva, a loro parere, riscosso successo.

in quel periodo: l’assessore Zandonella stava seriamente valutando di riportare in questi uffici un presidio delle Forze dell’Ordine.

ad inizio ottobre 2017: l'assessore alla cultura Polledri, ribadendo l'intenzione della giunta di approfondire le valutazioni sull’opportunità di mantenere questo servizio o di destinare gli stessi spazi ad altro, snocciolava i dati relativi alla biblioteca: apertura (martedì e giovedì dalle 15 alle 19, nonché il sabato dalle 10 alle 13), rete wi-fi, struttura (tre sale studio con 30 posti a sedere, area per i bambini, saletta per lettura giornali, postazione di consultazione del catalogo del polo bibliotecario piacentino e una sezione di opere di consultazione), gli eventi ivi organizzati (presentazioni di libri, laboratori, incontri di lettura, appuntamenti per alunni e anziani). L’assessore sottolineava il crescente interesse da parte degli abitanti del quartiere.

a metà dicembre 2017: l'assessore alla cultura Massimo Polledri confermava, in consiglio comunale, l’intenzione, condivisa anche dall’assessore Zandonella, di non voler chiudere la biblioteca della Besurica, bensì di potenziarla nei servizi e negli eventi-iniziative, criticando la passata amministrazione che non avrebbe lasciato soldi per finanziare la prosecuzione dell'esperimento iniziato nel luglio 2016.

CONSIDERATO CHE

 occorre contemperare tutte le esigenze della comunità, dalla richiesta di una presenza maggiormente costante della Polizia Municipale nel quartiere (considerati anche i furti giornalieri nelle abitazioni) alle istanze per mantenere vivo un centro aggregativo con funzione sociale come la biblioteca di via Perfetti;

 si ritiene che l’amministrazione possa e debba valutare anche soluzioni alternative, per l’una e/o per l’altra necessità, cercando di mantenere/ristabilire entrambi i presidi, di sicurezza e sociale, del quartiere;

 è corretto informare i cittadini sulle future scelte sul punto dell’amministrazione, stante le precedenti perplessità.

CHIEDO

al Sindaco e agli Assessori competenti:

quali sono le prospettive relative ai locali di via Perfetti alla Besurica, in particolare: se nel medio lungo termine si intende mantenere il centro aggregativo bibliotecario o si intende adibirli nuovamente a stazione della Polizia Municipale o ad altre funzioni;

se sono state valutate eventuali ipotesi alternative in modo che il quartiere possa giovare di entrambi i presidi: uno di natura sociale, con funzione aggregativa e culturale, e l’altro a tutela della sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento